Cerca

Siamo circondati

Ue, non solo Tusk: tutti gli uomini di Angela Merkel che "tifano" per il rigore

Angela Merkel

L'asse contrario al rigore, sulla carta composto da Matteo Renzi e Francois Hollande, ha strappato in Europa la nomina di Federica Mogherini come nuova Lady Pesc. Una magra consolazione in seno alle istituzioni continentali, che sotto il dominio della Germania di Angela Merkel puntano tutto, ancora, sulle lacrime e sul sangue (economicamente parlando, s'intende). Indicativa in tal senso la nomina di Donald Tusk come presidente del Consiglio europeo, il polacco rigorista convinto e indicato dalla Merkel. La mano lunga della Cancelliera, pochi giorni prima, era riuscita a dirottare anche Jean-Claude Juncker a capo della Commissione europa: un altro fedelissimo il cui dogma è il pareggio di bilancio. Ma non è finita. Come ha rivelato il presidente del Consiglio Ue uscente, Herman Van Rompuy, la Merkel vuole stravincere la sua partita, con lo spagnolo Luis De Guindos (Ppe) a capo dell'Eurogruppo dei 18 dei ministri finanziari. Una partita, quest'ultima, che si dovrebbe chiudere nel 2015, ma che potrebbe essere anticipata se l'eurosocialista olandese Jeroen Dijsselbloem dovesse entrare nella nuova Commissione che Juncker presenterà tra l'8 e il 10 settembre. Come detto, in pole per prendere il suo posto, c'è De Guindos, altro "merkeliano", altro politico a favore delle misure di austerità e rigore finanziario e, in definitiva, altro nemico dell'Italia.

Manovre a Bruxelles - Con il tris "d'assi" Juncerk-Tusk-De Guindos, di fatto, la Merkel e la Germania si assicurerebbero un dominio sull'Europa destinato a durare. Le manovre pro-rigore, come dimostrano le indiscrezioni sulla telefonata di fuoco della Cancelliera a Mario Draghi (rimproverato per aver scordato l'austerità), sono frenetiche. Le aspettative di Italia e Francia di una svolta nella politica Ue che preveda maggiore flessibilità, insomma, sono destinate a rimanere disattese. L'unico nome sul quale il fronte anti-rigore potrebbe spuntarla è quello di Pierre Moscovici come commissario per gli Affari economici (al posto dei filo-Merkel Olli Rehn e Jirki Katainen). Ma anche quest'ultima partita è complessa. Dalla Merkel, ovvio, è arrivato un secco "no" (anche se, si sussurra, Angela potrebbe cedere dopo aver incassato la nomina di De Guindos). Inoltre voci dai palazzi di Bruxelles riferiscono di una manovra in atto orchestrata da Juncker per "depotenziare" Moscovici, paracadutandolo agli Affari economici e nominando Katainen commissario supervisore di tutti i portafogli economici (e, di fatto, sterilizzando Moscovici). Oppure, ultima opzione, al posto del francese potrebbe anche spuntarla Dijsselbloem, sì eurosocialista ma molto fedele alla cancelliera Angela: un rigorista il cui primo obiettivo è quello di preservare la sintonia tra Olanda e Francia nel rigore dei conti pubblici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • apostrofo

    23 Ottobre 2014 - 12:12

    Finchè ci saranno i vecchi al potere, soprattutto in Germania, l'Europa non avrà nessuna prospettiva di diventare Stati Uni d'Europa,cosa che sarebbe l'unica via di salvezza per tutti. Soprattutto perchè si vuole in'Italia "inferiore" e serva in tutti i sensi. La Germania vuole (continuare a ) governare da sola.

    Report

    Rispondi

  • tacos

    10 Settembre 2014 - 16:04

    Mogherini dovrebbe difendere i nostri interessi? La vedo dura, anzi, impossibile. Molliamo questa banda di furbetti con gli Ascari (Tusk & c.) di varie nazionalità al servizio dei tedeschi colonizzatori, prepariamoci alla Lira Forte. Hanno già distrutto o portato via gran parte della nostra manifattura di prestigio internazionale, dobbiamo salvare il futuro dei nostri figli, i giochi sono finiti.

    Report

    Rispondi

  • ryckard56

    02 Settembre 2014 - 11:11

    l'euro è stato un vero fallimento. se non ne usciamo subito finiremo tutti con il piattino in mano. il guaio è che oltretutto non abbiamo un governo ma solo una massa di incapaci a cominciare da napolitano.

    Report

    Rispondi

  • paolo44

    01 Settembre 2014 - 18:06

    Ci vogliono sterminare. Allora che sia guerra! (economico-politica). Fuori dall'UE, e vediamo che fanno.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog