Cerca

La storia

Trentuno anni nel braccio della morte: scarcerato Il test del dna lo scagiona: "Non è stato lui"

Trentuno anni nel braccio della morte: scarcerato Il test del dna lo scagiona: "Non è stato lui"

Dopo 31 anni di prigione, nel braccio della morte della prigione del North Carolina, in Usa, nonostante fosse innocente, Henry Lee McCollum è tornato finalmente in libertà. L’uomo, oggi 50enne, ha trascorso 31 anni in carcere per un delitto che non ha mai commesso; e come lui, il fratellastro, Leon Brown, 46 anni. «Ringrazio Dio per avermi tirato fuori di prigione. Voglio mangiare, voglio dormire e voglio svegliarmi domani sapendo che è vero», ha detto all’uscita dal carcere, raccontando che negli ultimi giorni non è riuscito a dormire per l’emozione. «Ho atteso per anni questo momento», ha aggiunto abbracciando il padre, riporta il New York Times; e quando qualcuno gli ha chiesto se nutrisse rabbia per l’errore giudiziario, ha risposto con voce ferma: «No,no. Nessuna rabbia».

La storia - McCollum era stata condannato insieme al fratellastro per lo stupro e l’omicidio di un ragazzina di undici, ma un test del Dna li ha scagionati entrambi. Con un quoziente intellettivo al di sotto della media (Brown si è fermato a 51 di Q.I.), i due ragazzi afroamericani (che avevano 19 e 15 anni al momento dell’arresto) sono sempre stati difesi dalla loro famiglia. Abitavano in un villaggio di 4mila persone a sud dello Stato quando, la notte del 28 settembre 1983, furono sottoposti a un interrogatorio, senza avvocato, nel quale alla fine McCollum, stremato dalla pressione della polizia, ammise che, insieme ad altre tre persone, aveva commesso il delitto. «Mi inventai una storia perchè potessi tornarmene a casa», ha raccontato successivamente. All’uscita dal carcere, McCollum ha comunque voluto ricordare i 152 ex compagni che sono ancora in attesa della pena capitale, nella prigione dello Stato. «Ci sono ancora persone innocenti là dentro. Ci sono persone che non meritano la pena di morte. Non è giusto. Bisogna fare qualcosa per loro».

Una nuova vita - Adesso dovrà abituarsi alla nuova vita: nei 30 anni di vita in prigione non gli è stato concesso di aprire una porta, nè di accendere una luce o usare una lampo. Non sa usare il cellulare ed è trasecolato quando -ha raccontato alla matrigna- qualche giorno fa ha aperto Internet e, con Google Map, ha visto la sua casa. E mercoledì quando è salito nell’auto di famiglia, qualcuno gli ha dovuto far vedere come allacciarsi la cintura di sicurezza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alessandra.schicchi

    08 Settembre 2014 - 01:01

    A volte si fanno errori che purtroppo segnano la vita delle persone. Il test del DNA, un test che assicura gli omicidi alla giustizia, se trentuno anni fa fosse stato già in uso questi due fratelli non avrebbero fatto neanche un giorno di prigione. McCollum, non può avercela con la giustizia perchè il suo caso è stato riaperto e risolto positivamente.

    Report

    Rispondi

  • a.senese

    07 Settembre 2014 - 19:07

    sono esterefatto!!!! Non creda Obama di essere meglio di Putin!!!!!

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    05 Settembre 2014 - 19:07

    Poverino. Ma il dna lo hanno fatto solo adesso?

    Report

    Rispondi

  • cicalino

    04 Settembre 2014 - 22:10

    Penso a quegli sciagurati che hanno condannato questo poveretto...Li manderei un anno in quella stessa prigione, per un improbabile ravvedimento sul delitto commesso. Gente senz'anima!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog