Cerca

Tra Libia, Egitto e Malta

Immigrazione, dramma nel Mediterraneo: in cinque giorni morti 800 migranti

Immigrazione, dramma nel Mediterraneo: in cinque giorni morti 800 migranti

Il bilancio delle vittime dei viaggi della disperazione nel Mediterraneo continua a salire. La stima dell’Organizzazione Internazionale per le migrazioni parla chiaro: 200 morti vicino alle coste libiche; e 500 a Malta, dove ad affondare la nave sarebbero stati gli stessi trafficanti. Nel pomeriggio di lunedì arriva una precisazione delle autorità libiche secondo le quali sarebbero 36 le persone salvate dal naufragio avvenuto davanti alle coste di Tripoli, su un barcone che trasportava 250 migranti.

Una strage - Da venerdì, dunque, si contano dunque oltre 800 tra morti e dispersi nei viaggi della disperazione nel Mediterraneo. In particolare sarebbero circa 500 i dispersi del naufragio avvenuto la scorsa settimana 300 miglia al largo di Malta, molto probabilmente causato dagli stessi trafficanti che, da una seconda imbarcazione, avrebbero di proposito fatto colare a picco il barcone dei migranti, con i quali era nato un violento scontro. Ai 500 bisogna poi aggiungere quelli di un terzo incidente con vittime di fronte alla costa egiziana. Una vera e propria strage.

La testimonianza - Gli operatori dell’Oim in Sicilia hanno raccolto la testimonianza dei due sopravvissuti, di nazionalità palestinese, alla tragedia al largo di Malta: due ragazzi fuggiti da Gaza e andati in Egitto a inizio settembre, soccorsi in alto mare dal mercantile panamense Pegasus e portati a Pozzallo sabato. Se questa storia, su cui è stata avviata un’indagine, fosse confermata, si tratterebbe del naufragio più grave degli ultimi anni, ha precisato l’organizzazione. "Un episodio particolarmente grave in quanto non si tratterebbe di un incidente, ma di una strage" deliberata, sottolinea l’organizzazione intergovernativa di cui fanno parte 156 Paesi. Secondo le testimonianze dei sopravvissuti, i migranti - siriani, palestinesi, egiziani e sudanesi - sono partiti in 500 da Damietta, in Egitto, sabato 6 settembre. Tra loro anche molte famiglie con bambini e minori non accompagnati. Dopo aver già cambiato diverse imbarcazioni lungo la rotta, mercoledì scorso i trafficanti, a bordo di un altro natante, hanno chiesto ai migranti di "saltare" su un’ennesima nave più piccola e precaria. Comprendendo la pericolosità della situazione, molti si sono ribellati: ne è nato uno scontro con i trafficanti, che a un certo punto, innervositi, hanno speronato il barcone dei migranti dalla poppa facendolo affondare. La maggior parte delle 500 persone sono cadute in mare e annegate, altre sono riuscite a restare a galla aggrappandosi a mezzi di fortuna: tra queste i due giovani palestinesi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ex finiano

    16 Settembre 2014 - 10:10

    Non è colpa di Alfano, Renzi e compagnia bella? Noooooooooo! E' un business miliardario! Chissà cosa si stia finanziando con i soldi di quei poveretti che si imbarcano. Non di certo la pesca d'altura! Mare Nostrum e le altre stupidità incrementano la mafia del nord Africa!

    Report

    Rispondi

  • arwen

    16 Settembre 2014 - 09:09

    Continua il successo di "Mare Nostrum". Hanno dato false speranze a una massa isterica di poveri disgraziati ai quali non possono dare nulla, tantomeno un futuro. Hanno dato impulso agli affari di tutte le mafie mediterranee che, visto il denaro facile, hanno messo in mare pure cariole piene di buchi. Ora il risultato è che l'Italia è stata presa d'assalto e che migliaia di esseri umani sono morti

    Report

    Rispondi

  • agostino48

    16 Settembre 2014 - 09:09

    Vuoi vedere che gira gira la colpa delle morti dei clandestini è colpa nostra.Gli stati africani scaricano sulle nostre coste i loro problemi e i loro criminali, quando muoiono i criminali non sono loro e la mafia degli scafisti ma noi italiani che non andiamo a prenderli sulle coste libiche. Ma che razza di cretini siamo, ci invadono e ci preoccupiamo se non arrivano da noi a delinquere

    Report

    Rispondi

  • er sola

    16 Settembre 2014 - 01:01

    Sperare nell'aiuto del mare è una cosa spregevole ma, se siamo diventati spregevoli la colpa è dei politici che hanno innescato tutto questo. Questa mattanza deve finire, buffoni di corte, dovete intervenire in maniera decisa, dove ci volete portare, più in fondo di così? Quante anime volete ancora sulla coscienza? Fate capire a quella povera gente che non c'è più possibilità di accoglimento.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog