Cerca

Football americano

Prega Allah dopo una meta: punito giocatore Nfl

Prega Allah dopo una meta: punito giocatore Nfl

Un giocatore musulmano festeggia il touchdown con una preghiera. L’arbitro lo punisce e la National Football League si ritrova a gestire un caso religioso. Al centro  della vicenda c’è Husain Abdullah, difensore dei Kansas Chiefs, andato a segno nel match dominato per 41-14 contro i New
England Patriots nel "monday night" della quarta giornata del campionato di football americano. Abdullah, dopo aver intercettato il pallone all’altezza delle 39 yard dei Patriots, lo ha riportato in meta e ha festeggiato inginocchiandosi in preghiera. Il gesto non è piaciuto agli arbitri, che lo hanno punito con 15 yard da applicare alla ripresa del gioco per condotta antisportiva. La regola numero 12 della NFL, alla sezione 3-articolo 1 prevede che "i giocatori non possono dare vita a celebrazioni o manifestazioni sul terreno di gioco".

L’episodio è stato analizzato ai piani alti della lega. Michael Signora, portavoce della NFL, ha chiarito al network Espn che Abdullah non doveva essere sanzionato. "In questo caso - ha detto - la procedura non prevede di sanzionare un giocatore che si inginocchia per un atto  religioso. Non doveva esserci una penalità". Da parte sua, il difensore dei Chiefs ha ammesso di essere "un po' troppo eccitato". Abdullah, al sesto anno tra i professionisti, ha giocato con i Minnesota Vikings tra il 2008 e il 2011 prima di prendersi un anno sabbatico per andare in pellegrinaggio alla Mecca. "Se riporto un intercetto in meta, mi inginocchierò per pregare" aveva sempre detto, come ricorda il Kansas City Star.

Segna una meta e prega Allah / Guarda il video

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cartonito

    01 Ottobre 2014 - 10:10

    un bel calcio in culo e via in moschea a fare i tuoi porci comodi.

    Report

    Rispondi

  • ghepardo50

    01 Ottobre 2014 - 05:05

    i cristiani vengono massacrati tranquillamente in varie parti del mondo ma quando s'è di mezzo l'islam tutti a inchinarsi. Questo vuol dire che gli occidentali si sono già calati le brache

    Report

    Rispondi

  • blackindustry

    01 Ottobre 2014 - 04:04

    Basta islam, hanno davvero rotto, infilano la loro religione ovunque, che vadano a pregare nelle moschee e lascino lo sport pulito dalle loro medioevali credenze.

    Report

    Rispondi

  • francori2012

    30 Settembre 2014 - 18:06

    Non è il momento di fare manifestazioni di questo genere con l'aria che tira.Avanti di questo passo, mezzo mondo odierà i criminali dell'Isis,perciò ogni manifestazione di quella religione diventerà una provocazione.Meditate gente ,meditate. Francori2012

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog