Cerca

Intanto la Lorenzin rassicura tutti

Ebola, sale l'allarme in Spagna: altri tre casi sospetti, ricoverati a Madrid

Ebola, sale l'allarme in Spagna: altri tre casi sospetti, ricoverati a Madrid

Sale l'allerta, in Spagna, per il virus Ebola. Dopo le infermiere dell'ospedale Carlo III di Madrid, che hanno contratto il virus assistendo i due missionari morti tra agosto e settembre, ieri sera sono state ricoverate al nosocomio della capitale spagnola altre tre persone, due medici e un'infermiera, che avrebbero presentato i sintomi del virus. Lo hanno annunciato oggi, giovedì 9 ottobre, i medici dello stesso ospedale Carlo III. I due medici - attualmente posti in quarantena - hanno curato Maria Teresa Romero, la prima donna ad essere stata ricoverata al Carlo III, mentre l'infermiera è stata a contatto con i missionari morti dopo il loro viaggio in Africa. "Abbiamo fatto i test, ma non abbiamo ancora i risultati", hanno comunicato dall'ospedale.

I casi precedenti - Per altre due persone ricoverate martedì scorso, invece, è stato escluso il contagio: si tratta di un operatore socio-sanitario e un ingegnere. Intanto i numeri cominciano a fare paura: già cinquanta persone sono sotto osservazione, di cui ventidue sono sanitari. Sempre dall'ospedale, è stato comunicato che Maria Teresa Romero è "in condizioni stabili e non ha la febbre". La donna ha spiegato ieri le modalità con cui ha contratto il virus. Con i due missionari morti, le due infermiere e i tre ricoverati ieri sera, sale quindi a sette il numero dei contagiati in Spagna. 

Le parole della Lorenzin - Intanto, al Messaggero, torna a parlare il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin: "Dobbiamo tracciare gli operatori e più in generale tutti i viaggiatori che tornano o arrivano in Europa dai paesi a rischio, e in più, inviare dei medici europei anche negli aeroporti africani di partenza, che facciano prevenzione e informazione". Sul caso del medico ricoverato allo Spallanzani, la Lorenzin ha annunciato: "Non è malato di Ebola, i test sono risultati negativi. C'è forse stato un eccesso di precauzione: ma è meglio essere prudenti, per evitare casi come quelli dell'infermiera spagnola contagiata".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • er sola

    11 Ottobre 2014 - 15:03

    Ma la prendessero chi ha voluto l'abolizione del reato di clandestinità, chi ha progettato e voluto Schengen, chi ha alimentato le false speranze di una vita migliore, chi ha voluto Mare Nostrun, chi è stato ed è commissario dell'ONU per i rifugiati e tutti quei falsi buonisti dei sinistri che hanno pensato di racimolare voti, almeno si morirà in buona compagnia.

    Report

    Rispondi

  • er sola

    11 Ottobre 2014 - 13:01

    Presto arriverà in Italia e grazie a chi ha fatto entrare tutta quella feccia, sarà un'ecatombe. Maledette!!

    Report

    Rispondi

  • marari

    09 Ottobre 2014 - 19:07

    Gli spagnoli devono ringraziare quel missionario che ha scelto di venire a morire in patria invece di rimanere tra i suoi amici in Africa... questo si chiama altruismo! Vivere per 40 anni come missionario, ma non voler essere sepolto tra i suoi amati. Noi dovremo ringraziare (ed avverrà presto) Alfano, Letta e Lorenzin per le scelte folli di voler svuotare un continente appestato quale è l'Africa.

    Report

    Rispondi

  • Ok-Sniper

    09 Ottobre 2014 - 17:05

    Mi vengono i brividi.. sembra che l'Italia sia lo Spallanzani. Qui stiamo scherzando con il fuoco dentro a un pagliaio... Non ho ancora sentito parlare di piani per il blocco delle frontiere.. Cosa aspettiamo? Sembra che l'Italia sia minorata visto che non ha ancora un caso conclamato, ma stiamo scherzando?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog

Attilio Barbieri
sds

sds

di Attilio Barbieri