Cerca

Polemica

Proposta choc in Germania: il reato di incesto va abolito

Proposta choc in Germania: il reato di incesto va abolito

A fine settembre, il Consiglio etico tedesco, un’istituzione governativa con poteri di consulenza ma non decisionali, ha chiesto al parlamento e al governo di depenalizzare l'incesto consensuale tra fratelli e sorelle maggiorenni.

Una proposta che divide la Germania - La proposta del Consiglio etico, però, è stata tutt’altro che unanime: i giuristi hanno votato in 14 contro 9. Le motivazioni di questa proposta sono tutte platoniche, e fanno riferimento al sentimento dell'amore, che se libero e consensuale, non può e non deve, secondo i sostenitori della proposta, essere vietato e punito penalmente. Tuttavia, nelle motivazioni della proposta non ci sono riferimenti ai rischi scientificamente provati che i figli, generati da una relazione incestuosa, nascano o crescano con gravi malattie o con altissima probabilità di difetti genetici e malformazioni. I sostenitori della petizione si limitano a rimandare la questione a momenti più opportuni e "in colloqui chiari in consultori con le coppie incestuose, non da poliziotti che bussano all’alba".

La risposta del partito della cancelliera Merkel - Non è tardato il commento di Stephan Mayer, esponente del partito Cdu della cancelliera Merkel, che l'ha definita una "proposta scandalosa e immorale". Mayer aggiunge, poi, che nei paesi in cui l'incesto non è reato, avvengono veri drammi; infine riporta come monito la storia di Patrick e Susan, due giovani sassoni ignari della loro parentela, che hanno avuto quattro figli insieme, due dei quali gravemente malati. Scoperto che i due coniugi sono in realtà fratelli, la polizia ha arrestato Patrick e tolto l'affidamento dei bambini alla madre Susan.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marioangelopace

    11 Aprile 2015 - 16:04

    da noi non è reato ( lo so, il "pubblico scandalo" non è costitutivo del reato, ma "condizione di punibilità"; come dicono i Greci, se non è Yoannis, Giovanni, è Yannikis, Giannino)

    Report

    Rispondi

blog