Cerca

Verso il trapianto

L'ultima frontiera: peni coltivati in laboratorio

L'ultima frontiera: peni coltivati in laboratorio

La prossima, e sicuramente non ultima, frontiera dei trapianti potrebbe essere quella di organi genitali maschili. I ricercatori del Wake Forest Institute for Regenerative Medicine in Nord Carolina sono infatti all'opera per risolvere in modo chirurgico disfunzioni erettili e vari altri problemi legati al funzionamento dell'organo di riproduzione maschile. Come? Impiantando sull'uomo peni coltivati in laboratorio. Il progetto viene portato avanti dal lontano 1992 e l'obiettivo dei ricercatori è quello di ottenere l'approvazione dell’Agenzia Americana dei prodotti alimentari e medicinali, la FDA. I test sono stati realizzati su 12 conigli e tutti hanno avuto esiti più che positivi: 8 esemplari hanno eiaculato mentre 4 femmine sono rimaste incinta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fabio.bonari

    10 Ottobre 2014 - 14:02

    "Incinta" è un aggettivo, di cui per ora ha significato solo il femminile, che al plurale fa "incinte". Ma, come suggeriva un film di Mastroianni, non è escluso che in seguito si possano osservare uomini incinti.

    Report

    Rispondi

  • sebastianveneziano

    10 Ottobre 2014 - 12:12

    Suppongo che questa tecnica rendera` felici quelle persone a caccia di c....i con particolari caratteristiche. che dire: "GODI POPOLO"

    Report

    Rispondi

blog