Cerca

La paura del contagio

Psicosi Ebola: dopo la Spagna, allarme a Roma, Parigi, Praga

Psicosi Ebola: dopo la Spagna, allarme a Roma, Parigi, Praga

Mentre sale l'allerta in Spagna per il propagarsi del virus Ebola (nella capitale spagnola altre tre persone, due medici e un'infermiera avrebbero presentato i sintomi del virus), le autorità di Parigi oggi hanno isolato un edificio con una sessantina di inquilini nel nord-ovest della città. L’allarme, poi rientrato (il prefetto locale inizialmente ha detto che si trattava di una "semplice misura precauzionale") è scattato dopo che un cittadino della Guinea, uno dei Paesi dell'Africa occidentale in cui si è diffuso il virus, aveva presentato sintomi molto simili a quelli causati da Ebola.

Roma - Da cinque giorni, inoltre, allo Spallanzani di Roma è ricoverato un medico italiano che sarebbe entrato in contatto con un collega che ha contratto il virus ebola e che si sta curando in Germania. L'uomo, un marchigiano, il 28 settembre scorso, come riporta il Messaggero, aveva partecipato in Sierra Leone (una delle zone più colpite dal virus) ad una festa con altri operatori, fra i quali c'era un pediatra ugandese di Emergency che è poi risultato positivo all'ebola. 

Inghilterra - Nel pomeriggio, nel frattempo, il Sun e il Daily Mail avevano diffuso la notizia, rivelata da una fonte anonima del governo macedone, secondo la quale anche un altro cittadino britannico presentava sintomi riconducibili al virus Ebola. La Gran Bretagna tenta perciò di alzare le barriere: il governo ha dato il via a controlli "rafforzati" negli aeroporti e ai terminal ferroviari di Eurostar: si faranno interviste ai viaggiatori provenienti dall'Africa Occidentale e controlli sanitari per i casi sospetti.

Praga - Nella capitale ceca, un 56enne è ricoverato a con sintomi simili a quelli causati dal virus ebola. Lo ha riferito un portavoce dell'ospedale, aggiungendo che l'uomo era stato di recente in Liberia ed è stato messo in isolamento all'ospedale Bulovka. È stato sottoposto ai test, che sono stati inviati ad un laboratorio di Berlino.

Dagli Usa - Nel frattempo la massima autorità sanitaria Usa, Thomas Frieden, direttore dei Centri americani per il Controllo e la Prevenzione della Malattia (Cdc) con sede ad Atlanta lancia l'allarme: "Direi che, in trent'anni di lavoro, l'epidemia di ebola rappresenta la sfida più grande dalla comparsa dell'Aids" ha detto Frieden.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • amariella81

    11 Ottobre 2014 - 14:02

    È un virus a trasmismissione aerea. Starnuti, tosse ecc ecc sono pericolosi. Ci dicessero come tutelarci soprattutto con tutti questi stranieri ke entrano nel nostro paese.

    Report

    Rispondi

  • ortensia

    10 Ottobre 2014 - 10:10

    Niente paura, la fermera' il nostro governo con un maxi de cretino

    Report

    Rispondi

  • routier

    10 Ottobre 2014 - 09:09

    Le nostre autorità sanitarie tentano di tranquillizzarci affermando su tutti i media che il contagio avviene solo per contatto diretto con i fluidi corporei del malato in fase conclamata, ma allora come si spiega che gli operatori sanitari del settore vestono scafandri da astronauta ? Prudenza eccessiva o che altro ci nascondono ?

    Report

    Rispondi

  • alkhuwarizmi

    10 Ottobre 2014 - 08:08

    Dedicato a tutti i dementi che facevano del sarcasmo sul pericolo denunciatio dai "profeti di sventura". Vista la situazione attuale, il calo di turisti in Italia sarà il male minore: la tragedia sarà un iniziale contagio degli Italiani più esposti ed una successiva diffusione della malattia, Data la disorganizzazione che caratterizza questo nostro disgraziato Paese, c'è poco da stare allegri.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog