Cerca

Re Miswati III contro l'Hiv

Re dello Swaziland: "Alle vergini 15 euro al mese per non fare sesso"

Re dello Swaziland: "Alle vergini 15 euro al mese per non fare sesso"

Soldi (200 rand sudafricani al mese, circa 15 euro) alle vergini minorenni per rimanere caste. Questa la decisione del re dello Swaziland, Mswati III, per contenere la diffusione dell'HIV nel Paese, il più colpito al mondo dall'epidemia con un quarto della popolazione infetta. "Il governo si farà carico del pagamento per consentire alle ragazze di acquistare beni di consumo e rifiutare l'offerta di denaro in cambio di sesso" ha spiegato Thabsile Dlamini, un'operatrice sanitaria di Manzini, il più importante centro economico del piccolo regno sudafricano. La prostituzione è solo uno dei tanti problemi che affliggono lo Swaziland.

Assenso della Banca Mondiale - Una nazione allo sbando, piegata dalla dilagante corruzione, da malnutrizione e dalle spese folli del suo pittoresco regnante. Proprio lo stesso che ha lanciato la proposta shock dell'obolo dei 15 euro alle giovani per astenersi dal sesso. Un annuncio che ha però riscosso l'assenso della Banca Mondiale, che garantirà il finanziamento del progetto. L'iniziativa - fanno sapere le autorità - prevede un piano pilota per monitorare l'effettivo rispetto della clausola di verginità da parte delle giovani.

Le ragazze: "Raggiungiamo quella cifra con un'unica prestazione" - Ma le prime a non essere convinte dell'ultima uscita di re Mswati III sono proprio le dirette interessate. "Una ragazza può raggiungere quella cifra con una sola prestazione sessuale, il Governo ci deve dare di più per convincerci" sostiene una teenager, mentre un'altra sottolinea come a quell'età ci sia bisogno di molte cose, "soprattutto di ricariche del cellulare" e che quindi quella somma non è sufficiente.

L'harem del sovrano - C'è poi chi ha sollevato un dubbio a dir poco inquietante. Il fine ultimo di Mswati III, insaziabile reggente che conta oggi quattordici mogli e una fidanzata, sarebbe quello di assicurarsi una nutrita platea di vergini sane da cui attingere per la scelta delle sue future consorti. Il tutto, naturalmente, in ossequio alla tradizionale "Cerimonia delle Canne", la sfilata in cui decine di migliaia di giovani danzatrici tra i 16 e i 24 anni provenienti da tutto lo Swaziland si sfidano per sedurre il loro monarca.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • highlander5649

    10 Ottobre 2014 - 22:10

    ma che deve fare il re? lo ius primae noctis la prima notte di nozze con le vergini come nel medioevo?

    Report

    Rispondi

  • filen

    filen

    10 Ottobre 2014 - 17:05

    Ma esistono ancora paesi cosi?

    Report

    Rispondi

blog