Cerca

Il repportage

Il viaggio dell'inviato de La Stampa in Sierra Leone decimata da Ebola

Il viaggio dell'inviato de La Stampa in Sierra Leone decimata da Ebola

Un viaggio dentro l'Ebola. L'inviato de La Stampa Domenico Quirico è arrivato in aereo a Freetown e ha raccontato cos'è Ebola vista da vicino. Te ne accorgi da quando in aereo le hostess controllano il biglietto con dei prudenti guanti gomma, te ne accorgi quando sbarchi e un'infermiera ti controlla la temperatura e ti sottopone un questionario in cui ti chiede se vomiti, se hai la febbre e poi ancora quando sali in auto e provi, per cortesia, dimenticando per un attimo la malattia, di stringere la mano all'autista e lui si ritrae. Quirico ha parlato con medici, volontari e sacerdoti. Gli hanno spiegato che di Ebola si muore con violente emorragie dal naso e la vita ti esce dalla bocca. In Sierra Leone i casi di contagio aumentano di giorno in giorno. Gli africani, abituati a stare tutti insieme, hanno cambiato le loro abitudini. I bimbi sui campi di calcio toccano la palla, ma non i compagni. Ci si guarda con sospetto e c'è un intero villaggio in quarantena dove la gente vive aspettando la morte, la prossima morte. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog