Cerca

Su un giornale online

Isis: "La sharia prevede di schiavizzare le donne degli infedeli"

Isis: "La sharia prevede di schiavizzare le donne degli infedeli"

C’è una giustificazione teologica nell’Islam che autorizza la schiavitù sessuale alla quale i jihadisti dello Stato islamico (Is) stanno sottoponendo le donne rapite in Iraq, in particolare quelle della minoranza yazida. È quanto spiega il gruppo guidato da Abu Bakr al-Baghdadi in un articolo intitolato ’Il ritorno della schiavitù prima dell’Ora, in riferimento al Giorno del Giudizio. "Bisogna ricordare che schiavizzare le famiglie degli infedeli e prendere le loro donne come concubine è previsto dalla Sharia, la legge islamica", si legge sul giornale online del gruppo in inglese, Dabiq.


Donne schiave - Nella quarta edizione del giornale si legge quindi che le donne della setta yazida, minoranza curda che vive principalmente nel nord dell’Iraq, possono essere legittimamente catturate e rese concubine, o schiave sessuali. A denunciare le azioni dell’Is contro donne e bambini yazidi è Human Rights Watch, che parla di "crimini orribili in aumento contro gli yazidi in Iraq". Il consulente di Hrw Fred Abrahams aveva detto di aver ascoltato «storie scioccanti di  conversioni forzate, matrimoni forzati, schiavitù e abusi sessuali. In alcuni casi le vittime sono minorenni».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gugli

    14 Luglio 2015 - 16:04

    se maometto non fosse mai nato tutta questa pazzia non esisterebbe..

    Report

    Rispondi

  • piero1939

    19 Ottobre 2014 - 17:05

    le donne saranno d'accordo.

    Report

    Rispondi

blog