Cerca

Gran Bretagna

Cameron sfida l'Ue: quote immigrati e stop alla libertà di circolazione

Cameron sfida l'Ue: quote immigrati e stop alla libertà di circolazione

Il primo ministro britannico, David Cameron, ha il terrore che il partito anti-Ue, lo Ukip di Nigel Farage, eroda sempre più consensi ai Conservatori alle prossime elezioni del 2015. Per questo Cameron intende superare a destra l’Ukip presentando un piano per limitare di fatto l’ingresso di cittadini Ue (nell’immaginario britannico «l’idraulico polacco»), violando il principio della «libertà di movimento» degli europei, come gli ha ricordato il presidente uscente dell’Ue, Manuel Barroso.
Secondo quanto riferisce il Sunday Times, Cameron si appresta a presentare un piano per ridurre il numero ’immigrati' Ue con un escamotage: imporre una quota annuale massima al «National Insurance Number», l’equivalente del codice fiscale italico) concedibili alla ’bassa manovalanza' Ue. Il National Insurance è indispensabile sia adi dipendenti per poter lavorare nel Regno Unito, sia agli stessi datori di lavori, per pagare contributi previdenziali e sanitari al fisco. I Tory hanno appena sofferto due ’defezioni' importanti di parlamentari passati all’Ukip, che peraltro è riuscito per la prima volta ad far entrare ai Comuni un suo deputato, mancando il secondo bersaglio solo per 617 voti. «La libertà di movimento è un principio molto importante nel mercato interno ed il mio consiglio alla Gran Bretagna», ha ricordato Barroso a Cameron in un’intervista alla Bbc, «è di non porre neanche in dubbio quel principio». Ma Cameron gioca sul sicuro, visto l’euroscetticismo se non l’eurofobia dei suoi connazionali, puntando a raccogliere consensi (o a non perderli) sfruttando la minaccia a Bruxelles della cosidetta «Brexit». Sempre per non perdere voti, il premier ha promesso - ovviamente se vincerà le elezioni nel 2015 - un referendum sulla stessa permanenza dei Londra nell’Ue.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • flikdue

    20 Ottobre 2014 - 11:11

    Invece noi ....... dobbiamo subire veri e propri imbonitori !!!!

    Report

    Rispondi

  • redicoppe

    20 Ottobre 2014 - 10:10

    La Gran Bretagna é sempre stata nella UE con un piede solo, traendone i vantaggi ed evitando gli aspetti negativi. Si decida se é carne o pesce, questa via di mezzo é inaccettabile. GianKamillo Il referendum dovrebbero fasrlo gli altri Stati Ue se espellere o meno la Gran Bretagna

    Report

    Rispondi

  • alfa553

    20 Ottobre 2014 - 09:09

    A proposito di TG, pensate il TG4 in un giorno che le borse crollavano e lo spread cresceva dl 14% , l'inizio fu di garlasco e gambirasio ,seguito da una porcata renziana e dopo 15 minuti arrivo la notizia, 3 secondi e via.Bravi Bravi davvero, per Cameron ,e un grande con palle in italia abbiamo le palle ma non un Cameron.

    Report

    Rispondi

  • umberto2312

    20 Ottobre 2014 - 06:06

    Dio strabenedica gli inglesi!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog