Cerca

L'avatar

Sweetie, la bambina virtuale a caccia di pedofili nella rete

Sweetie, la bambina virtuale a caccia di pedofili nella rete

Si chiama Sweetie, Dolcezza, ha 10 anni, gli occhi grandi, la pelle ambrata. E' filippina, come molti dei bambini (per lo più asiatici) che ogni giorno finiscono nella rete dei pedofili su Internet. Sweetie però non è una vittima, è lei a dare la caccia agli orchi. Sweetie, scrive Repubblica, perfetta bambina in 3D creata da Terre des hommes Olanda, fa tutto quello che gli uomini le chiedono: si spoglia, li asseconda, gli fa credere di essere nelle loro mani. Intanto raccoglie prove contro di loro, acquisisce i loro numeri di telefono.

In dieci settimane ne ha adescati a centinaia e finalmente uno di loro è stato condannato in Australia. Scott Robert Hansen si è beccato due anni per aver indotto un minore a compiere atti sessuali. Il giudice ha detto che "è irrilevante che la bambina non sia reale perché se credi che lo sia è abbastanza". Sweetie ha raccolto prove contro un migliaio di uomini di 36 diversi Paesi: 22 sono italiani, 110 inglesi. Si tratta di adulti "per bene", professionisti, politici, medici, impiegati che si credono al sicuro, protetti dalla distanza e dall'anonimato della rete. Ma ora una piccola Avatar gli sta dando la caccia. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • caledonianuova

    24 Ottobre 2014 - 14:02

    bravi! ditelo! così la riconoscono!

    Report

    Rispondi

  • brancati66

    22 Ottobre 2014 - 18:06

    In Italia, il reato di pedopornografia con un avatar....non esiste. Di cosa stiamo parliando?

    Report

    Rispondi

  • blackindustry

    22 Ottobre 2014 - 16:04

    Bravi imbecilli, ora che lo si rivela non incastrerà più nessuno...

    Report

    Rispondi

blog