Cerca

Da Francoforte a Bruxelles

Bce, le voci su Mario Draghi: i governatori "falchi" in rivolta

L'Europa e quella manovra a tenaglia contro l'Italia. Nelle stesse ore in cui il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker ha attaccato frontalmente il premier Matteo Renzi ("Non siamo una banda di burocrati, altrimenti vi avremmo già bocciato", con replica da Palazzo Chigi "l'Italia merita rispetto"), da Francoforte spuntano voci di una fronda dei banchieri contro il presidente della Bce Mario Draghi.

Le trame dei falchi contro Draghi - A rilanciare i rumors è l'autorevole agenzia britannica Reuters, secondo cui i banchieri nazionali sarebbero "infastiditi dal fatto che Draghi abbia fissato un target di aumento del bilancio della Bce subito dopo che il consiglio che governa la politica dell'istituto si era accordato proprio per non rendere pubblico alcun dato". "Ora tutto quello che facciamo - è la versione di una fonte - è valutato sulla base dell'obiettivo di aumentare il bilancio di mille miliardi (di euro)... Ci ha creato un problema". La contestazione sotterranea verso Draghi arriva in un momento cruciale per la sopravvivenza dell'Unione europea. Mercoledì andrà in scena la tradizionale cena dell'Eurotower, dove i falchi potrebbero esternare la loro opposizione. Seguirà la riunione del direttivo, possibile luogo ufficiale dello scontro. E tra qualche mese Draghi potrebbe dover assumersi la responsabilità di azioni di politica monetaria più audaci di quelle già prese (per esempio, decidere di acquistare titoli di debito sovrani) per contrastare crisi economica, deflazione e stagnazione.

"Mario fa tutto da solo" - Un fronte, questo, già difficilissimo per l'opposizione di molte banche nazionali, a cominciare da quella tedesca. Non a caso, molti governatori contestano a Draghi una condotta troppo "personalistica", "poco collegiale" ed esuberante dal punto di vista della comunicazione. "Mario è più riservato (rispetto al suo predecessore Jean-Claude Trichet, ndr)... e meno collegiale. I governatori nazionali qualche volta si sentono tenuti all'oscuro, fuori dal giro", spiega un veterano della Bce alla Reuters. "Jean-Claude era solito consultare e comunicare di più. Lavorava un sacco per creare consenso". Un po' le stesse critiche che tanti, anche a Bruxelles, sono pronti a sottoscrivere sostituendo però il soggetto: non più Mario, ma Matteo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • agostino.vaccara

    05 Novembre 2014 - 13:01

    Il fatto è che i "falchi" che poi sono solo uno cioè weidman della bundesbank, temono Draghi perché è l'unico che può contrastare i loro, anzi il suo disegno!!! Cruccolandia vorrebbe disperatamente mettere mano sulla BCE per salvarsi il culo visto che comincia a scricchiolare da tutte le parti. Con Draghi questo non è possibile, senza Draghi......si salvi chi può!!!

    Report

    Rispondi

  • seve

    05 Novembre 2014 - 13:01

    Sono preoccupato il gioco si va facendo pesante , ma non vi sembra che sia ora di trovare una soluzione con L'associazione per delinquere di Bruxelles?

    Report

    Rispondi

  • claudionebridio

    05 Novembre 2014 - 10:10

    Uno scontro interno alla massoneria (anzi, alle massonerie: G.O.I., Grande Oriente Democratico, massoneria britannica, B'nai B'rith sionista USA). In mezzo, il "popolo bue" che ormai non ha più voce in capitolo e aspetta solo (senza rendersene neanche conto) che gli tolgano anche la possibilità di decidere con il voto le sorti della propria nazione.

    Report

    Rispondi

  • apostrofo

    05 Novembre 2014 - 00:12

    Una manovra contro Draghi era già strisciante da un paio d'anni. Ovviamente voluta per 2 ragioni. Una: mantenere l'austerità da parte di Germania ed Olanda,salita in corsa sul carro della vittoria germanica. L'altra: Alla Germania manca tanto il comando della BCE a cui aspira da un pezzo. Sempre e comunque pronta a criticare Draghi per la sua flessibilità produttiva.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog