Cerca

Eroe americano

L'uomo che ha ucciso Osama Bin Laden ha un nome e un volto: è il marine Rob O'Neill

L'uomo che ha ucciso Osama Bin Laden ha un nome e un volto: è il marine Rob O'Neill

Ha un nome e un volto l'uomo che ha ucciso Osama Bin Laden. Si chiama Rob O'Neill, è nato 38 anni fa in Montana e ha trascorso metà della sua vita nelle unità speciali della Marina americana. E' lui, dunque, il Navy Seal che l'1 maggio del 2011 insieme ai commilitoni della squadra speciale (il Team Six) compì il blitz decisivo nel rifugio di Abbotabad, in Pakistan, dove era nascosto il capo storico di Al Qaeda, il nemico pubblico numero uno dell'Occidente e mente degli attentati dell'11 settembre 2001 alle Torri Gemelle di New York. A rivelare l'identità di O'Neill è stato suo padre, intervistato dal giornale inglese Daily Mail. Tra qualche giorno la tv americana Fox manderà in onda, tra il 10 e 11 novembre, una lunga intervista allo stesso militare. La rivelazione dell'identità del soldato ha provocato le reazioni allarmate dei vertici militari, preoccupati per la sicurezza di O'Neill, possibile obiettivo della vendetta del terrorismo islamico. Il padre al proposito però scherza: "Dipingerò un grande bersaglio sulla porta della mia casa e dirò: venite pure".

Le altre missioni pericolosissime - L'impresa di Abbottabad per O'Neill era stata solo la più rischiosa e importante di centinaia di missioni tra Afghanistan e Iraq: tornato in Patria, il marine aveva ricevuto 52 riconoscimenti e medaglie al valore. Prima di quel giorno, però, aveva salvato il comandante della nave Maersk Alabama catturata da pirati somali e unità Usa finita in un'imboscata talebana. Al di là della gloria, però, la vita di O'Neill assomiglia a un film thriller. Già nel 2013, anonimo, confidava alla rivista Esquire di dover obbligare la famiglia a vivere con "la valigia sempre pronta, nel caso dovessimo scappare all'improvviso". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Anna 17

    Anna 17

    12 Maggio 2015 - 08:08

    Il guaio nostro è che in Italia hanno chiuso i manicomi. Certo leggendo i vari commenti, riesco a capire perfettamente perché lItalia va così male. Gente come alfons76, afadri, steoxxx, devono essere internati e sottoposti s TSO immediato. E' rischiosissimo lasciar circolare liberamente gentaglia simile, vanno controllati a vista e limitati nelle loro azioni.

    Report

    Rispondi

  • alfons76

    07 Novembre 2014 - 10:10

    quasi tutto il commando di abbottabad ha fatto una brutta fine , ( morti ammazzati ) , e questo quì non se la passerà meglio ! Deve farsi pubblicità per campare , perchè la pensione che riceve dagli usa è da fame !!! fallo brindare , affogherà nell'alcool in cui si và a rifugiare con la sua vigliaccagine di infame sporco assassino lui e tutti i faccia di culo sudditi sottomessi degli usa !

    Report

    Rispondi

  • cabass

    07 Novembre 2014 - 09:09

    Grazie Rob, grazie di cuore per avere spedito il gran beduino e chissà quanti altri suoi simili nel paradiso di allah. Il mondo CIVILE te ne sarà per sempre riconoscente!

    Report

    Rispondi

  • locatelli

    07 Novembre 2014 - 00:12

    rob o'neil vive sano e salvo e vegeto in unaltro stato usa con pensione e casa con famiglia e 2 figli e tutte le sere dopo cena brinda alla sua salute sua e alla faccia di culo di tutti quelli che la pensano come alfonso76 e afadri ... god bless america.. e voi che elogiate bid laden dovete vivere grand male con tutta la cattiveria che avete in corpo... siete soli dei pecoroni inviglicchiti fm

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog