Cerca

Sentenza in cinque mesi

Traghetto affondato in Corea, comandante condannato a 36 anni di carcere

Traghetto affondato in Corea, comandante condannato a 36 anni di carcere

Rischiava addirittura la pena di morte, chiesta dal procuratore dell'accusa. Invece, Lee Jun-Seok, capitano del traghetto Sewol affondato il 14 aprile scorso al largo delle coste meridionali della Corea del Sud con un bilancio di 300 vittime, è stato condannato dalla Corte di Gwangju a 36 anni di carcere, mentre è stato prosciolto dalle accuse di omicidio. Lee, 69 anni, era stato accusato di aver abbandonato il traghetto sulle prime unità di soccorso giunte sul luogo del naufragio, mollando alla loro sorte i 476 passeggeri, in prevalenza studenti in gita e morti in gran parte nell'incidente. La procura aveva addebitato al capitano l'accusa di omicidio che, se accolta avrebbe comportato l'ipotesi di pena di morte, esistente nell'ordinamento sudcoreano, ma di fatto congelata in una moratoria ultradecennale. La sentenza è arrivata a cinque mesi dal fatto, mentre il processo a Francesco Schettino è ancora in corso, in attesa del giudizio di primo grado, a quasi tre anni dall'affondamento della Concordia al Giglio. 

In mattinata, intanto, il governo sudcoreano ha deciso la fine delle ricerche dei dispersi, mai interrotte dal giorno dell'accaduto. Allo stato attuale, secondo quanto detto dal ministro della Pesca e del Mare, Lee Ju-young, il numero totale di morti e dispersi è di 304: nove persone mancano ufficialmente all'appello, mentre i corpi recuperati sono 295, tra cui l'ultimo di una ragazza trovato dai sub alla fine dello scorso mese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carmelo.brullo

    02 Dicembre 2014 - 13:01

    Pulcinella è il più affidabile.

    Report

    Rispondi

  • er sola

    11 Novembre 2014 - 18:06

    Tranquilli se il suo avvocato avesse fatto come fanno i malati di protagonismo in Italia, la avrebbe seguito la stessa sorte del suo cliente.

    Report

    Rispondi

  • farmaciasmtp

    11 Novembre 2014 - 16:04

    Inamissibile...qui ci vuole Amnesty international. Dobbiamo salvare lo schettino coreano. ASILO POLITICO!

    Report

    Rispondi

    • Estero1

      11 Novembre 2014 - 20:08

      occhio che qui se lo fanno in 10 questo appello,sti politici di cacca,sono capaci di darglielo !!

      Report

      Rispondi

  • gregio52

    11 Novembre 2014 - 16:04

    Mi sono sempre chiesto: Ma se i processi durassero pochi mesi, a che servirebbero tutti questi Magistrati ed Avvocati. I costi si ridurrebbero di miliardi. Cerchiamo di mandare i nostri Magistrati all'estero per qualche aggiornamento professione, in paesi come la corea del nord e sud, in cina ecc....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog