Cerca

Controllo delle nascite

Sterilizzazione di Stato in India, muoiono 15 donne: topicida nei farmaci

Sterilizzazione di Stato in India, muoiono 15 donne: topicida nei farmaci

Alle 15 donne morte la settimana scorsa dopo essersi sottoposto ad un intervento di sterilizzazione sponsorizzato dal governo per controllare le nascita è stato dato un antibiotico che conteneva un veleno per topi. Questo l’ultimo sviluppo nell’inchiesta sul caso che ha scosso l’India e ha portato all’arresto del dottore che ha eseguito gli interventi. I test preliminari delle compresse di ’Ciprocin 500’ hanno evidenziato la presenza di fosfuro di zinco, ha riferito, Siddhartha Pardeshi, responsabile amministrativo della provincia di Bilaspur. Nonostante si tratti solo di risultati preliminari, che ora si vedrà se saranno confermati dalle analisi dei campioni inviati a New Delhi, i sintomi delle donne morte dopo l’intervento sono «compatibili con l’avvelenamento da fosfuro di zinco». Le autorità hanno effettuato i test dopo essere state informate che la sostanza era stata trovata nelle vicinanze della ’Mahawar Pharmaceuticals’, la societa produttrice dell’antibiotico. La Mahawar non è nuova a questo tipo di problemi: la produzione di farmaci era stata sospesa per 90 giorni nel 2012 quando si era scoperto che aveva prodotto medicine non conformi agli standard indiani. Il governo ha finora sequestrato 200.000 compresse di Ciprocin 500 e oltre 4 milioni di altre pillole prodotte dalla Mahawar, mentre la polizia ha arrestato l’Ad della società, Ramesh Mahawar, ed il figlio. Entrambi si sono dichiarati innocenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • brontolo1

    15 Novembre 2014 - 15:03

    accuseranno i marò anche di questo?

    Report

    Rispondi

blog