Cerca

La storia dagli Stati Uniti

Cara Anaya, la donna che vive con novanta orgasmi all'ora

Cara Anaya, la donna che vive con novanta orgasmi all'ora

"La mia vita è imbarazzante e umiliante": Cara Anaya, trentenne dell'Arizona, da tre anni soffre di sindrome da eccitamento sessuale permanente. Novanta orgasmi all'ora le rendono la vita un vero e proprio inferno.

"Vado fuori di testa" - Cara è sposata, con un figlio di dieci anni. "Non auguro a nessuno quello che sto provando io: quando sono con mio figlio mi sento una pervertita e mi tengo lontano da lui. Devo evitare i luoghi pubblici, e ho dovuto imparare a controllarmi, mantenendo espressioni facciali normali quando sono eccitata: mi devo concentrare e respirare profondamente, per non far capire cosa mi succede. Il corpo è in continua tensione e influenza il mio umore, e questo mi manda fuori di testa".

Senza lavoro - Cara Anaya lavorava come cameriera: "Ora non posso più lavorare", spiega la trentenne americana. Cominciò tutto in un negozio di dolci: improvvisamente, Cara si sentì eccitata e rimase in questa condizione per sei ore, senza sosta. Dopo qualche mese la situazione divenne insostenibile: arrivò un attacco di 160 orgasmi in due ore, e da allora la donna è passata per medici, neurologi e psichiatri, in cerca di una cura. La sindrome le provoca disidratazione e insonnia, e soffre di attacchi così forti che Cara si ritrova anche per terra, con problemi alle ginocchia e alle anche.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • contenextus

    17 Novembre 2014 - 15:03

    Ho letto che un'altra donna affetta dalla medesima patologia si è suicidata.

    Report

    Rispondi

blog