Cerca

Quote rosa a Pyong-yang

Corea del Nord, ecco chi comanda: la dittatrice 26enne sorella di Kim Jong-un

Corea del Nord, ecco chi comanda: la dittatrice 26enne sorella di Kim Jong-un

Ha 26 anni e una faccia da ragazzina. E' stata studentessa modello a Ginevra dove, protetta da una falsa identità, si è laureata in politica internazionale; tornata in patria, tre anni fa, si è sempre tenuta ai margini della propaganda per non oscurare l'astro nascente del fratello pure essendo considerata da tutti l'eminenza grigia del regime. Per vedere le foto di Kim Yo-Jung clicca qui.

Lady Corea - E ieri, a sorpresa, c'è stata l'investitura ufficiale: Kim Yo-Jong, sorella del leader Kim Jong-Un, è stata presentata dall'agenzia di Stato Kcna come il nuovo "vicedirettore di dipartimento del Comitato centrale del Partito dei lavoratori", il partito unico nordcoreano che equivale a dire responsabile ombra della propaganda, consigliera unica di Kim Jong-un, capo della sicurezza e braccio destro del vero uomo forte dell'esercito Hwang Pyong-so. In pratica, secondo il direttore dell’Istituto Mondiale per gli Studi nordcoreani di Seoul, avrebbe soppiantato la zia paterna, Kim Kyong Hui, che per decenni ha svolto il ruolo di consigliere personale del fratello e allora leader Kim Jong-Il, accedendo così ai posti chiave del regime, per poi uscire completamente di scena dopo l'esecuzione del marito Jang Song-Thaek, accusato di tradimento, nel 2013.

Il pettegolezzo - Personaggio incolore e schivo (la sua prima apparizioni pubblica è stata quella ai funerali del padre Kim Jong II), sembra che sia stata lei a sventare il tentativo di golpe di zii e militari fedeli al nonno e, nel mese di assenza del fratello per un presunto intervento alle caviglie, pare che abbia preso tutte le decisioni governative al suo posto. Infine un pettegolezzo che arriva da Pechino: pare che non sopporti l'esuberante fidanzata dal fratello, l'ex cantante pop Ri Sol-ju.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • primus

    29 Novembre 2014 - 13:01

    Peccato che gente così non trovi residenza in Italia. Sai che fine farebbero centri sociali, la delinquenza dei tantissimi rom, lo spaccio della droga dei nord africani, l'assalto e le pretese dei clandestini, i ladri occupanti abusivi di alloggi non spettanti, la possibilità di uscire alla sera senza ben che ti vada nell'essere importunato dallo slavo o dalla banda sudamericana, ma mai dire mai.

    Report

    Rispondi

  • topomoto4

    28 Novembre 2014 - 17:05

    Meglio lei di politici di Roma ,Bruxelles e Berlino .

    Report

    Rispondi

    • Chry

      29 Novembre 2014 - 00:12

      meglio che te ne stai zitto

      Report

      Rispondi

  • boss1

    boss1

    28 Novembre 2014 - 16:04

    la calippa coreana

    Report

    Rispondi

  • blues188

    28 Novembre 2014 - 11:11

    Differenze con l'Italia? Non ne vedo!

    Report

    Rispondi

    • civimar

      28 Novembre 2014 - 16:04

      Bravo, vacci con i tuoi amici Razzi e Salvini, buon viaggio.

      Report

      Rispondi

blog