Cerca

L'ultima del Pentagono

Stati Uniti, ibernazione per salvare i soldati feriti in guerra

Stati Uniti, ibernazione per salvare i soldati feriti in guerra

I dati non mentono: un quarto dei soldati americani morti in Iraq e Afghanistan potevano essere salvati. Sì, sarebbero ancora vive centinaia di persone se, dopo essere stati feriti, fossero stati sottoposti in tempo alle cure mediche. Il Pentagono sta quindi cercando una soluzione per risolvere il problema delle morti in battaglia, iniziando con il velocizzare l'arrivo dei soccorsi.

Soluzione? Ibernazione - Ad aiutare i militari americani anche un medico australiano, Geoffrey Dobson, che ha sperimentato un farmaco in grado di modificare la reazione del corpo umano in caso di traumi, causando una sorta di ibernazione che obbliga il corpo a mantenere irrorati di sangue gli organi vitali. Aumentano così le possibilità che il ferito rimanga in vita in attesa dei soccorsi che possano salvargli la vita.

Ottimismo - Il ministero della Difesa americano ha molta fiducia in questo metodo e ha accordato alle ricerche di Dobson un finanziamento di 550.000 dollari. Entro un anno dovrebbe iniziare la sperimentazione diretta. Se il nuovo farmaco si rivelerà davvero efficace, avrà il suo battesimo sui campi di battaglia, ma potrà essere utilizzato anche in molti altri settori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • routier

    29 Novembre 2014 - 16:04

    "Beato il popolo che non ha bisogno di eroi" (Bertold Brecht)

    Report

    Rispondi

  • Mago Zurli

    29 Novembre 2014 - 13:01

    Per tutti i traumi la tempestività dell'intervento è fondamentale. Non solo per quelli di guerra. Ma si sa che tutte le invenzioni e scoperte sono trainate dalle necessità belliche, altrimenti saremmo ancora nella preistoria (dove peraltro la guerra imperava, come dimostrato dalla mummia di Similaun)

    Report

    Rispondi

  • Chry

    29 Novembre 2014 - 02:02

    Sarà coperto da brevetto, purtroppo non sarà sperimentato ad uso civile, buffo termine per descrivere la prima e unica condizione per cui questo, come altri farmaci, dovrebbero essere lasciati liberamente in uso

    Report

    Rispondi

blog