Cerca

Washington

Per la Casa Bianca spunta un altro Bush: si chiama Jeb

Per la Casa Bianca spunta un altro Bush: si chiama Jeb

Jeb Bush, 61 anni, repubblicano, fratello minore di Geroge W. Bush, è stato governatore della Florida dal 1999 al 2007 e ora, si sussurra negli States, avrebbe voglia di candidarsi alla Presidenza degli Stati Uniti. La conferma definitiva, ha spiegato lui stesso, arriverà entro fine anno. Con buona probabilità, quindi, il fratello di George Bush potrebbe sfidare la ex First Lady Clinton in un duello che ha un sapore decisamente amarcord.

Indizi - La possibilità che questo diventi realtà viene confermata dai tanti indizi offerti dallo stello Jeb negli ultimi tempi: recentemente ha deciso di pubblicare un libro sulla sua esperienza e le sue visioni politiche, una mossa "tipica" degli aspiranti presidenti. Sono poi in molti a pensare che Jeb sia l'unico ad avere le carte in regola per tener testa alla democratica Hillary Clinton, alla quale per altro si avvicina per la visione di temi quali l'immigrazione clandestina e la riforma della scuola.

Trasparenza - Per aumentare la sue credibilità politica, Jeb Bush ha inoltre pubblicato ben 250mila email scambiate negli ultimi anni da lui e dal suo staff nel mondo politico e degli affari. Mossa, questa, con cui cerca di anticipare ciò che gli riserverà il futuro: come per ogni aspirante presidente, ogni aspetto della sua vita verrà esaminato al microscopio e dato in pasto all'opinione pubblica americana.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bettely1313

    16 Dicembre 2014 - 18:06

    penso che oggi sia il momento giusto per l'America un altro Bush. La politica estera di Obama ha messo in pericolo l'Europa ma non solo. Prima con l'Ucraina poi con l'Isis che non ha combinato nulla, anzi ha peggiorato il clima di tensione globale. Il Bush antecedente non si sarebbe sognato mai di mettersi contro la Russia. Obama di fatto ha indebolito l'America. rafforzato la Russia.

    Report

    Rispondi

blog