Cerca

Tra i miliziani

Isis, il giornalista tedesco infiltrato: "Vi svelo la terribile verità sui tagliagole"

Isis, il giornalista tedesco infiltrato: "Vi svelo la terribile verità sui tagliagole"

Si chiama Jurgen Todenhöfer ed è il primo giornalista occidentale ad essere stato accolto tra i tagliagole dell'Isis, con i quali ha trascorso dieci giorni a Mosul. Una full immersion nel fondamentalismo islamico in quella che, oggi, è la sua capitale mondiale. Oggi Todenhöfer è tornato a casa, nella sua Germania, e rivela una paurosa verità: "L'Isis - spiega - è molto più forte e pericoloso di quanto abbiamo creduto finora". Così il cronista, 74 anni, nel suo diario su Facebook, dove aggiunge: "Stiamo sottovalutando questi terroristi".

Chi è - Jurgen Todenhöfer è piuttosto famoso in Germania, ed è celebre per le sue posizioni anti-militariste. A Mosul è arrivato passando per la Turchia, e dopo sette mesi con i vertici del Califfato è stato accolto. In un'intervista con Der Tz ha rivelato di aver dormito con i miliziani, e di essere stato con loro durante un bombardamento a Raqqa. Il giornalista, dopo aver visto i tagliagole da casa loro, spiega che l'Isis non può essere battuto da un intervento militare e dagli attacchi degli aerei occidentali perché "per quanto possano essere efficaci, ad ogni bomba che cade e colpisce un civile, il numero di terroristi aumenta". Sempre nel suo diario l'uomo spiega che l'Isis ha lavorato duramente per affermarsi come uno stato funzionante, e ha anche raggiunto un certo "benessere sociale", creando un "sistema scolastico efficiente", in grado di fornire un'istruzione anche alle ragazze.

"Nessuna misericordia" - Il reporter al suo ritorno si è detto colpito dalla forza e dalle dimensioni del Califfato: "Si estende su un territorio più grande del Regno Unito", e tra i suoi seguaci c'è "un entusiasmo quasi estatico che non ho mai incontrato nei miei viaggi nelle zone di guerra. Ogni giorno centinaia di nuovi combattenti disposti a sacrificare la vita arrivano da tutto il mondo. Per me - ha aggiunto - è incomprensibile”. Todenhöfer parla senza mezzi termini di "pulizia religiosa" portata avanti dal gruppo, e sottolinea: "Isis è il movimento di un 1 per cento, capace però di provocare uno tsunami nucleare. Con queste persone non ho mai sentito quello spirito di misericordia che si prova leggendo il Corano".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mary5456

    24 Dicembre 2014 - 00:12

    Penso che il Califatoo finirá come Hiroshima e Nagasaki ,come sono finiti i kamikaze dalle grandi bende intorno alla testa ,,è la storia si ripeterà....aaaaaa

    Report

    Rispondi

  • Marcello Sanna

    24 Dicembre 2014 - 00:12

    "Con queste persone non ho mai sentito quello spirito di misericordia che si prova leggendo il Corano". Questo vecchio squinternato fa colazione con caffè e cocaina ?

    Report

    Rispondi

  • white warrior

    23 Dicembre 2014 - 22:10

    Il giornalista tedesco dà il suo contributo alla causa jihadista parlando di "spirito di misericordia" del Corano, che di misericorida verso i nemici della fede coranica non ne contiene: anzi! E Corano a parte, l'esempio di un profeta armato e dei suoi successori non è stato di non violenti e men che meno, misericordiosi. Più che un allarme, uno spot: l'Islam, con le buone o le cattive, vincerà.

    Report

    Rispondi

  • cuciz livio

    23 Dicembre 2014 - 22:10

    Questi sono gli arabi,da sempre predoni,ci vuole un'altra LEPANTO e così per 500 anni non sentiremo più parlare di loro.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog