Cerca

Beffa

Marò, il governo indiano: "Discutiamo, ma la giustizia è libera"

Marò, il governo indiano: "Discutiamo, ma la giustizia è libera"

La vicenda dei marò "non è solo una discussione fra due esecutivi, ma è un tema all'esame della magistratura indiana" che "deve esprimersi prima che si possa andare avanti". Lo ha detto oggi a New Delhi il portavoce del governo indiano rispondendo ad una domanda dell'Ansa. "La giustizia indiana è libera, trasparente e imparziale". Syed Akbaruddin ha ammesso che "è difficile spiegare a che punto siamo (nei contatti fra i governi, ndr.) per il semplice fatto che la questione è all'esame della giustizia". E, ha proseguito, "mentre il governo indiano può avere un punto di vista e considerare varie opzioni, fondamentalmente questa questione è in mano alla giustizia e dovrà andare attraverso un percorso legale e arrivare a una decisione della magistratura affinché si possa andare avanti". A mo' di esempio il portavoce ha ricordato che "giorni fa il governo italiano ha cercato di ottenere una estensione della permanenza in Italia di uno dei due Fucilieri" e che "il governo indiano non era contrario a che essa fosse concessa". Ma comunque, ha aggiunto, "la Corte Suprema ha assunto una posizione fortemente contraria a questa richiesta, per cui i legali hanno ritirato l'istanza". Tutto questo, ha concluso, per dire che "si deve capire che questa non è una discussione solo fra due governi, ma coinvolge la giustizia indiana che è libera, trasparente e imparziale e che si formerà una opinione indipendente su quanto è avvenuto".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Satanasso

    27 Dicembre 2014 - 11:11

    Purtroppo dopo Mussolini solo merda...adesso l'Italia è la latrina del mondo !

    Report

    Rispondi

  • Yossi

    27 Dicembre 2014 - 10:10

    I nostri ragazzi pagano il prezzo della vendetta per la tangente elicotteri, tirata fuori dalla magistratura italica in seguito ad un articolo apparso sulla stampa inglese, che probabilmente faceva l interesse di un azienda britannica che aveva perso l'affare. Tralascio qualsiasi commento su quanto conta, purtroppo, il nostro paese in campo internazionale malgrado il tributo di sangue pagato

    Report

    Rispondi

  • mark51

    26 Dicembre 2014 - 19:07

    non li mollano piu quelli vogliono una montagna di soldi non c e altra spiegazione non dovevano sbarcare e se proviamo ad alzare la voce quelli si rifanno sugli italiani e ditte presenti in india che sono parecchie mplte di piu di quelle indiane presenti nel ns paese quindi bisognava essere furbi all inizio ma coi geni che avevamo e che abbiamo oggi al governo chissa quando tornano quelli

    Report

    Rispondi

  • Karl Oscar

    26 Dicembre 2014 - 18:06

    Se dopo tre anni di indagini (mah!!!) non hanno ancora deciso sul capo di imputazione.chiamarli giudici mi sembra un offesa al concetto di diritto.In India la giustizia è libera dalla politica?Hanno violato tutti i principi di diritto internazionale,vergogna! Probabilmente hanno appurato il reale svolgimento dei fatti e temono lo smerdamento di tutto il pianeta.Si stanno solo coprendo di VERGOGNA

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog