Cerca

Prostitute

Berlino capitale delle baby squillo: ecco quanto guadagnano

Berlino capitale delle baby squillo: ecco quanto guadagnano

In Germania la prostituzione è legale dal lontano 1927. L’industria del sesso produce guadagni esosi, e come ogni mercato segue le regole del business, con tanto di operazioni di marketing attraverso siti web, sindacati e dibattito parlamentare. In un noto bordello tedesco è stata proposta una sorta di tariffa “a forfait”, “70 euro e rimani quanto vuoi”. Il sesso è il “business”, con tantissimi zeri, del Terzo Millennio, che deve necessariamente fare i conti con i partiti tedeschi. Dopo la pausa estiva il Cdu ed il Spd riprenderanno la discussione relativa alla riforma della legge del 2002, che regola l’attività dei bordelli; il cui fine sarebbe quello di rendere il mestiere più sicuro, e più produttivo per lo stato attraverso le entrate fiscali. I cristiani-democratici vorrebbero che l’età minima per l’esercizio della professione fosse elevata a “21 anni”, i social-democratici si oppongono; la Cdu vuole imporre le visite mediche, mentre la Spd la vede come una sorta di schedatura improponibile. I partiti concordano sulla normativa per la registrazione dei club a luci rosse; ovvero, oggi, basta solo una comunicazione alla camera di commercio, in seguito sarà necessaria una sorta di “sigillo di qualità” per garantire le condizioni igieniche.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog