Cerca

La tragica fine di un incubo

Parigi, blitz alla drogheria: ammazzato il terrorista, morti anche 4 ostaggi

Parigi, blitz alla drogheria: ammazzato il terrorista, morti anche 4 ostaggi

Blitz delle teste di cuoio nella drogheria ebraica di Porte de Vincennes, a Parigi, dove un uomo di 32 anni di origine africana, Amedy Coulibaly, aveva preso in ostaggio diverse persone, chiedendo come condizione il rilascio dei fratelli Kouachi, gli autori della strage nel Charlie Hebdo, assediati in una fabbrica a 70 km da Parigi. Il raid delle forze francesi si è trasformato in un bagno di sangue: alcuni ostaggi sono riusciti a fuggire, mentre è stata confermata la morte di altri 4 prigionieri, forse uccisi ancor prima del blitz, quando l'estremista islamico ha preso possesso del supermarket kosher. Il sequestratore è stato ucciso della teste di cuoio (guarda qui il video del blitz).

Blitz in contemporanea - Durante lo scontro a fuoco sarebbero stati feriti anche 4 agenti della polizia. Il blitz a Parigi è avvenuto in contemporanea al raid di Dammartin-en-Goele, dove sono stati uccisi i fratelli Kouachi, gli islamisti autori della strage nella redazione del settimanale satirico. Resta il giallo sulla presenza e il ruolo di Hayat Boumeddiene: 26enne, pare sulla black list della Fbi, era stata indicata come complice di Coulibaly. Alcune indiscrezioni indicavano che avesse partecipato alla presa del negozio kosher. Ma dopo il raid delle teste di cuoio di lei non c'è più traccia. Due le possibilità: o è fuggita nascondendosi tra gli ostaggi, oppure nel negozio non ci è mai stata.

L'attacco - L'autore dell'attacco nel negozio kosher, Coulibaly, è l'assassino della poliziotta di Montrouge, uccisa il giorno successivo alla strage nel Charlie Hebdo. L'uomo ha condotto il suo blitz armato di kalashnikov. Nel pomeriggio si sono diffuse voci relative al fatto che tra gli ostaggi ci fosse anche un neonato. Coulibaly era "associato" alla stessa filiera jihadista, basata nel 19/o arrondissement di Parigi e organizzata per inviare combattenti in Iraq, a cui apparteneva Cherif Kouachi, il più giovane dei due fratelli autori dell’attacco a Charlie Hebdo. Lo riferiscono fonti vicine agli inquirenti, gli stessi che ieri avevano escluso che l’atto fosse in qualche modo collegato alla matrice terroristica (alla luce dei fatti, forse un'operazione per evitare di far crescere l'allarme in città).

Chi è l'uomo - L'uomo autore della sparatoria e del sequestro nel supermercato kosher, nel momento in cui ha iniziato la seconda parte della sua azione, si è immediatamente fatto riconoscere dalla polizia come l'assassino della poliziotta di ieri: "Sapete chi sono! sapete chi sono!", ha gridato per due volte agli agenti. Prima del blitz, la polizia fuori dal negozio ha provato a trattare con l'uomo, che come detto chiedeva l'incondizionata liberazione dei Kouachi. Il terrorista minacciava di uccidere gli ostaggi nel caso in cui i fratelli non fossero stati liberati. Proprio per questa ragione, pochi secondi dopo l'azione contro i killer del Charlie Hebdo è scattato il blitz contro Coulibaly, un 32enne di origine africana con gravi precedenti per traffico di stupefacenti e atti di violenza contro la moglie. Un blitz che si è trasformato in un vero e proprio lago di sangue.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alkhuwarizmi

    09 Gennaio 2015 - 20:08

    La buona notizia dell'uccisione del terrorista Coulibaly è purtroppo più che offuscata dalla tragedia della morte di ben 4 ostaggi. Davvero la fine di un incubo. Oggi non possiamo altro che esprimere il nostro cordoglio ai parigini e a tutti i francesi.

    Report

    Rispondi

  • cuciz livio

    09 Gennaio 2015 - 19:07

    D'accordissimo! A Parma e San Daniele del Friuli poi ci sono parecchie frattaglie di suino diamo così anche una mano alla raccolta differenziata.

    Report

    Rispondi

  • ilsereno

    09 Gennaio 2015 - 18:06

    Ora i terroristi copriteli con pelli d maiale e seppelliteli così andranno al cospetto del loro idolo come porci.

    Report

    Rispondi

    • annapurna1

      09 Gennaio 2015 - 19:07

      Bene ma non offenda i suini che sono infinitamente più "civilizzati" di quegli schifosi esseri immondi!

      Report

      Rispondi

  • heinreich

    09 Gennaio 2015 - 18:06

    beati i terroristi che adesso sono in paradiso ognuno con 72 vergini!!!"

    Report

    Rispondi

    • rader

      09 Gennaio 2015 - 19:07

      Purtroppo per loro, le vergini in paradiso le hanno finite da un pezzo, con tutti i terroristi che sono arrivati prima di loro. Ma gli imam non li avevano avvertiti?

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog