Cerca

L'intervista

Valentina Colombo, esperta di islam: "Sono incompatibili con le altre religioni"

Valentina Colombo

«Scomunicare» i terroristi è un esercizio insensato, a parere di Valentina Colombo, docente di Geopolitica dell’islam all’Università Europea di Roma. Con lei ci addentriamo nel vasto tema delle fonti di ispirazione del terrorismo. «In una religione dove non esiste un’autorità dirimente a livello intepretativo, quando un fedele legge il testo sacro, trova quel che vi vuole trovare», ci spiega.

Nel caso del Corano, poi, il testo appare particolarmente ambiguo rispetto alla Bibbia. Qual è il problema?
«Si può parlare di una parte del Corano scritta alla Mecca, quando l’islam si presenta a una società politeista e propone di credere a un Dio solo e nell’aldilà, di aiutare il povero e l’orfano. In quelle sure (i capitoli, n.d.r.) si trovano affermazioni come: “A voi la vostra religione, a me la mia”. E se ci fermiamo a questa parte del testo l’islam risulta compatibile con le altre religioni monoteiste».

Anche con la modernità di Charlie Hebdo?
«Certo. Anche se allora non ci si doveva cofrontare con la laicità. Ma si proponevano dei valori».

Poi cosa accade?
«Quando Maometto emigra a Medina, diventa il capo della comunità locale e l’islam si trasforma in una religione di Stato. Il suo sogno primo diventa quello di tornare alla Mecca, sua città natale, che non lo aveva seguito, e riconquistarla. Da questo punto in avanti, il Corano diventa la rivelazione che combatte per affermarsi. In quest’ultima parte, abbiamo tutte le leggi e tutti i dettami che riguardano il rapporto fra la Ummah (cioè la comunità islamica), e l’altro. Ed è da qui che oggi si attinge per giustificare qualsiasi atto legato al terrorismo islamico».

E in particolare?
«L’estremista islamico, che considera tutto il Corano valido ancora oggi si può concentrare prevalentemente su alcune sure medinesi ed, estrapolandone dei versetti, trovarvi le ragioni per combattere il miscredente, che può essere il cristiano, l’ebreo, il giornalista di Charlie Hebdo o anche il musulmano che non la pensa come lui. Perché nessuno può decidere quale sia la nozione valida di miscredente».

Ma c’è anche una tradizione islamica.
«Alla parola di Dio, si aggiunge la seconda fonte, gli hadith, cioè i detti e i fatti di Maometto. Nella sua biografia ufficiale, fra l’altro, si narra che Maometto ha ucciso di sua mano gli ebrei».

Quella lettura non è accolta soltanto dai terroristi. Se Charlie Hebdo fosse stato stampato in Arabia Saudita, i suoi vignettisti sarebbero stati condannati a morte, secondo la legge locale, ispirata alla sharia.
«Certo, anche se l’Arabia Saudita ufficialmente ha condannato l’attentato a Charlie Hebdo, ha comminato nello stesso tempo la prima parte della pena (cento frustate su mille, sulla pubblica piazza, 10 anni di reclusione, pena pecuniaria e 10 anni senza poter uscire dal territorio nazionale) a Raif Badawi, blogger trentenne che ha fondato un sito di pensatori liberali. E in carcere oggi si trova ancora il suo avvocato, attivista per i diritti umani, arrestato in base alla legge antiterrorismo».

Nessuno è in grado di sfidare quel predominio culturale?
«Ci sono dei tentativi. L’istituzione presieduta dal gran mufti d’Egitto, Dar al-Istà, recentemente ha pubblicato un testo, The ideological battle, dove si spiega che tutti i versetti utilizzati dall’Isis vanno contestualizzati perché rivelati in occasioni particolari e non più validi per la situazione attuale. Purtroppo però, gli intellettuali e i riformisti che hanno proposto una storicizzazione del testo, sono finiti impiccati, come Mahmoud Mohammed Taha in Sudan, o sono stati mandati in esilio, come Nasr Hamid Abu Zayd in Egitto».

intervista di Andrea Morigi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • hewitt

    15 Gennaio 2015 - 16:04

    articolo interessante ma nel concreto l'unica cosa da fare è METTERE PALETTI DURISSIMI agli islamici per far capire loro che gli ospiti sono loro e non sono graditi. certo con quasi duemilioni di musulmani la cosa è complicata

    Report

    Rispondi

  • MenonoIncariola

    13 Gennaio 2015 - 23:11

    E quindi l'unica cosa sensata da fare e` eleggere politici non di sinistra che cambino rotta evitandoci di cadere nel Maelstroem che abbiamo davanti.

    Report

    Rispondi

  • Janses68

    12 Gennaio 2015 - 14:02

    A me paiono tutti scemi ... Io credo in Manitu' ! Jha pensaci tu , dagli da fumare a tutti gli Islamisti cosi si danno una calmata ....

    Report

    Rispondi

  • claudia42

    11 Gennaio 2015 - 11:11

    Condivido il pensiero di chi mi ha preceduto. Una certa cultura di sx ci stà procurando solo disastri. Se si pensa che si possa combattere una guerra che é stata portata sui nostri territori, solo con le chiacchere, che vorrebbero chiamare diaologo, alleluia. Se l'Europa non si dà una bella svegliata, siamo finiti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog