Cerca

Le indagini

Francia, è ancora incubo: si cerca il complice di Coulibaly

Francia, è ancora incubo: si cerca il complice di Coulibaly

Amedy Coulibaly l’autore del massacro di 4 ebrei nel negozio kosher di Vincennes e prima di una poliziotta "aveva senza alcun dubbio un complice". Ne è convinto il premier francese Manuel Valls che ha annunciato come "la caccia continua" e viene rafforzata la sicurezza davanti alle scuole ebraiche e gli obiettivi sensibili. Nel giorno del massacro, il 9 gennaio, si era sospettata della compagna, Hayat Boumeddiene, che però si è poi accertato aver lasciato la Francia una settimana prima, il 2 ed essere dall’8 in Siria. Hayat Boumeddiene è arrivata in Turchia da Madrid il 2 gennaio e qui ha soggiornato in un hotel di Istanbul prima di partire per la Siria l’8 gennaio. La conferma arriva dal ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu, che ha ricostruito gli ultimi spostamenti della moglie di Amedy Coulibaly, che venerdì ha ucciso quattro persone nel supermercato kosher di Porte de Vincennes. Intervistato dall’agenzia di stampa Anadolu, Cavusoglu ha quindi spiegato che Boumeddiene ha soggiornato all’hotel Bade di Istanbul. La Francia ha ancora paura quindi, mentre si alza il livello della discussione sulla necessità di rivedere gli accordi di Shengen con l'Italia che frena mentre Francia e Spagna chiedono la chiusura dei confini. Oggi il primo ministro israeliano  Benjamin Netanyahu visiterà questa mattina alle 11 il minimarket kosher a Porte de Vincennes, a Parigi, nel quale quattro persone sono morte per mano di Amedy Coulibaly, ucciso in un blitz delle forze speciali francesi. Lo riporta Le Figaro.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marari

    12 Gennaio 2015 - 17:05

    Coulibaly, con quella faccia poteva fare solo il terrorista. Lombroso era avanti.

    Report

    Rispondi

blog