Cerca

Attacco alla libertà

I "cyberterroristi" nei siti militari Usa: tutti i segreti violati

I "cyberterroristi" nei siti militari Usa: tutti i segreti violati

"Soldati americani guardatevi le spalle, stiamo arrivando, siamo nei vostri pc". Un attacco hacker che fa tremare l'America e che  all'indomani Un attacco all'account twitter del comando Usa in medio Oriente. I cyber pirati hanno attaccato il profilo, ne hanno preso possesso per poi diffondere  informazioni riservate: elenchi telefonici, mappe, e altre informazioni.  Un hacker si è infilato nei pc dei miliarti Usa recuperando materiale riservato, informazioni top secret, sottratte durante l'incursione all'archivio digitale. Il Pentagono conferma l'avvenuta intrusione nei pc ma nega - come scrive il Corriere - che siano stati rilanciati i numeri segreti. L'account intanto è stato sospeso tra gli imbarazzi dei militari. L'Fbi dà la caccia ai colpevoli che non sono stati al momento identificati. . Sulla pagina Centcom gli hacker hanno scritto "I love Isis", "Cybercaliphate", e hanno piazzato la foto di un militante con la kefiah bianca e nera. Su youtube hanno caricato "Video di propaganda" del movimento jiadista. L'attacco arriva in un momento di grande tensione internazionale, dopo gli attentati di Parigi. Gli specialisti si chiedono chi possa essere stato infatti la rivendicazione dell'Isis è solo un indizio generico, non una prova. Da tempo negli ambienti militari da tempo si invitano soldati e ufficiali a fare molta attenzione ai social network ed essere prudenti. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cabass

    13 Gennaio 2015 - 15:03

    Quelli Anonymous hanno già fatto sapere che gli renderanno pan per focaccia. Ne vedremo delle belle!

    Report

    Rispondi

  • allianz

    13 Gennaio 2015 - 10:10

    Azzzz..l'esercito più potente del mondo...in braghe di tela.Violati i siti militari da 4 chiavacammelli.Fede avrebbe detto"Che figura di merda..."

    Report

    Rispondi

blog