Cerca

Il nuovo numero

L'Isis minaccia ancora Charlie: "Un errore pubblicare ancora su Maometto"

L'Isis minaccia ancora Charlie: "Un errore pubblicare ancora su Maometto"

I terroristi islamici non hanno affatto gradito la nuova pubblicazione di Charlie Hebdo. È stato un atto "estremamente stupido" pubblicare una nuova vignetta con Maometto sulla
copertina del primo numero di Charlie Hebdo, dopo la strage di mercoledì scorso, hanno affermato gli jihadisti dello Stato islamico (Isis), in un comunicato diffuso dalla radio del
gruppo terroristico, Al-Bayan. "Charlie Hebdo ha pubblicato di nuovo vignette che insultano il profeta e questo è stato un atto estremamente stupido", hanno dichiarato gli jihadisti
sunniti.

Sfoglia il nuovo Charlie Hebdo 

Il nuovo Charlie - Il numero di Charlie, stampato in tre milioni di copie e già andato esaurito in Francia, contiene tra le altre una vignetta mostra i due fratelli Kouachi, autori della strage del 7 gennaio, che arrivano in cielo e si chiedono dove sono le vergini promesse dal Paradiso musulmano. "Con i giornalisti di Charlie Hebdo, scemi", risponde un personaggio. In prima, c’è un Maometto in lacrime che tiene in mano un cartello con lo slogan "Je suis Charlie", mentre in alto campeggia la scritta "tutto perdonato".
Fra le 16 pagine, invece delle solite otto del settimanale, si trovano diverse caricature dei giornalisti e i vignettisti uccisi nella strage, che ha causato 12 morti. Sul tema delle vergini, viene riproposta anche una vecchia vignetta di Tignous, una delle vittime, che oggi suona tristemente profetica. Vi si vedono tre musulmani che dicono: "Non bisogna colpire i ragazzi di Charlie Hebdo, se no diventeranno dei martiri e una volta arrivati in Paradiso ci ruberanno tutte le vergini". Fra i testi scritti, vi è una commovente cronaca del medico Patrick Pelloux, scoppiato in lacrime mentre abbracciava il presidente Francois Hollande alla marcia repubblicana di domenica. E la responsabile delle cronache giudiziarie Singole Vinson racconta i terribili minuti della strage, quando si è buttata a terra fra gli spari dei kalashnikov. In ultima pagina una vignetta corrosiva fa il paragone fra il lavoro di vignettista e quello dei terroristi: "Disegnatore a Charlie Hebdo, sono 25 anni di lavoro. Terrorista, sono 25 secondi di lavoro. Terrorista, un mestiere da pigrone".

La rivendicazione di Al Qaeda - Al-Qaeda in Yemen (Aqap) ha rivendicato la strage alla sede di Charlie Hebdo. In un video sull’attacco di Parigi, intitolato ’Vendetta per il Profeta' e diretto "alla comunità islamica", il capo militare dell’organizzazione Nasr Ali bin al-Ansi ha affermato che la leadership di Aqap "ha scelto l’obiettivo, elaborato il piano (d’attacco, ndr) e finanziato l’operazione" eseguita dai fratelli Kouachi, definiti «due eroi dell’islam". Il video prosegue quindi con al-Ansi che, riferendosi sempre ai due terroristi, dichiara: "Noi chiediamo ad Allah di accettarli tra i suoi martiri". Il leader di Aqap ha precisato quindi che "il risultato dell’operazione è stato l’uccisione di vignettisti del settimanale, di impiegati e di agenti". Una delle vittime - ha concluso al-Ansi, riferendosi al direttore di Charlie Hebdo, Charb - "era nella lista dei ricercati diffusa dal magazine Inspire (la rivista di propaganda
di al-Qaeda, ndr)". Nasr bin Ali al Ansi, comandante militare del gruppo, considerato uno dei più stretti collaboratori del leader Nasir al Wuhayshi, dice anche che è stato il capo di al Qaeda, Ayman al Zawahiri, a ordinare l’attentato alla redazione del settimanale francese. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Renee59

    14 Gennaio 2015 - 20:08

    Loro non vogliono essere offesi, però offendono i cristiani in tutti i modi. Anzi tramano, vedi Asia Bibi, per la loro distruzione. Nei loro paesi li perseguitano in tutti i modi, qui invece, pretendono rispetto. Spero ci sia qualche giornalista che evidenzi questa cosa, perché é giusto che lo sappiano i figli di Allah.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    14 Gennaio 2015 - 12:12

    "Dove sono le vergini promesse?"A trombare con i vignettisti di Charly.Azz...si sono fatti fregare anche le vergini.Cheapeaux!!

    Report

    Rispondi

blog