Cerca

Prigioniero dello Stato Islamico

Ribelli siriani: "Padre Dall’Oglio è vivo e sta in carcere Isis"

Ribelli siriani: "Padre Dall’Oglio è vivo e sta in carcere Isis"

Padre Paolo Dall’Oglio "è vivo" e si trova "nelle prigioni dello Stato islamico a Raqqa", in Siria. Lo riferisce sadeer1, account legato ai ribelli che poco prima aveva annunciato il rilascio di Greta Ramelli e Vanessa Marzullo, le italiane rapite nel Paese mediorientale lo scorso anno. Padre Dall’Oglio, sacerdote di 60 anni impegnato nel dialogo interreligioso, è stato rapito il 29 luglio 2013 nella zona di Raqqa.

Per il dialogo - Romano, 59 anni, Dall'Oglio è noto per aver rifondato, negli anni Ottanta, il monastero cattolico siriaco Mar Musa, nel deserto a nord di Damasco. Personaggio fortemente impegnato nel dialogo con il mondo islamico, il suo attivismo gli ha causato l'odio del governo siriano. Durante la repressione del 2011 la Siria ne aveva decretato l'espulsione, ma solo nel 2012 è stata resa effettiva. Poi era tornato nei territori controllati dai ribelli nella Siria settentrionale. Portatore di ragioni pacifiste, le ragioni che possono avere spinto degli oppositori a rapire di padre Paolo sono ancora ignote. Impegnato da decenni nel dialogo tra cristiani e musulmani e ora apertamente schierato su posizioni anti-regime, il 24 luglio scorso il gesuita aveva rivolto un appello personale a papa Bergoglio, chiedendogli di promuovere "un'iniziativa diplomatica urgente e inclusiva per la Siria" al fine di assicurare "la fine del regime torturatore e massacratore" della famiglia Assad.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bibiforever

    16 Gennaio 2015 - 11:11

    ma il vaticano che fa?

    Report

    Rispondi

    • robin-ud

      16 Gennaio 2015 - 11:11

      Se ne frega ! In ogni caso, per portare il riscatto mi offro volontario !

      Report

      Rispondi

blog