Cerca

Dopo la strage

Said Kouachi, il terrorista di Charlie, sepolto di notte e in una tomba senza nome

Said Kouachi, il terrorista di Charlie, sepolto di notte e in una tomba senza nome

Said Kouachi, uno dei due fratelli jihadisti francesi autori dell’attentato contro il settimanale Charlie Hebdo, è stato sepolto di notte a Reims, la città della Marna dove aveva vissuto. Il più anziano dei due fratelli è stato sepolto in una tomba anonima e non è stato neanche divulgato il nome del cimitero, per timore che diventi un luogo di pellegrinaggio e fanatismo. Alle esequie hanno partecipato alcuni membri della famiglia, sotto la sorveglianza della polizia. Non era presente la moglie del 34enne terrorista, proprio per mantenere il massimo riserbo. Il sindaco di Reims, Arnaud Robinet, si era opposto all’inumazione nella sua città, evocando il rischio di problemi di ordine pubblico, ma si è dovuto piegare alla legge visto che Kouachi aveva vissuto due anni in città.

Imbarazzi - Il fratello Cherif Kouachi, di due anni più giovane, dovrebbe essere sepolto nella banlieu di Parigi, nel comune di Gennevilliers, dove risiedeva con la moglie. Quanto al terzo jihadista, Amedy Coulibaly, responsabile della morte di una poliziotta a Montrouge e poi del sequestro di ostaggi in un negozio Kosher, in cui sono morti quattro ebrei, la famiglia non avrebbe ancora preso una decisione. La sua famiglia risiede nella banlieu parigina, a Grigny, dove il sindaco ha già dichiarato il suo imbarazzo, ma non ha ancora ricevuto alcuna richiesta specifica. Un’altra ipotesi è seppellirlo a Fontenay-aux-Roses, dove il jihadista ha vissuto, ma le autorità hanno già fatto notare che il cimitero non ha una parte musulmana. Un’altra possibilità sarebbe quella di organizzare i funerali in Mali, da dove era partita la famiglia Coulibaly.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    17 Febbraio 2015 - 19:07

    Male.Dovevano portarlo alla più vicina discarica comunale.Abusiva o meno.

    Report

    Rispondi

blog