Cerca

La lotta paga

I curdi liberano Kobane dall'Isis

I curdi liberano Kobane dall'Isis

Dopo oltre 4 mesi di violentissimi scontri i peshemerga siriani sono riusciti nell’impresa di espellere gli jihadisti sunniti di Isis da Kobane, riconquistando l’enclave curda al confine con la Turchia, assediata dal 16 settembre scorso. Lo riferisce l’Osservatorio siriano per i diritti umani. Le forze curde controllano il 90% del territorio della città siriana di Kobane, al confine con la Turchia, dopo i progressi compiuti ieri negli scontri con gli estremisti dello Stato islamico (ex Isil o Isis), spiega l’Osservatorio siriano per i diritti umani, precisando che le Unità di protezione popolare (Ypg) sono avanzate nel fine settimana nelle vicinanze del quartiere di Kani Arabane, l’unico rimasto ancora nelle mani dei jihadisti.

La resistenza curda - Secondo il gruppo con sede a Londra, lo Stato islamico ha inviato nella zona altri 140 combattenti, tra cui minorenni non addestrati. Intanto i peshmerga di Ypg hanno ripreso ieri il controllo del villaggio di Mamid, a sudovest di Kobane. Gli estremisti avevano lanciato un’offensiva contro la città il 16 settembre scorso. Nelle prime settimane il gruppo era avanzato rapidamente, conquistando più della metà della superficie di Kobane, ma successivamente è stato frenato dai combattenti curdi, sostenuti da peshmerga arrivati dal Kurdistan iracheno. Kobane è una delle principali città curde in Siria, oltre ad Afrin, nella provincia di Aleppo, e ad Al Yazira, nella provincia di al-Hasaka.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rendagio

    26 Gennaio 2015 - 17:05

    Queste sono DONNE, com le palle, altro che la BOLDRINI & C mignotte politichhe di ogni colore.le donne italiote pronte a difendere due mignottelle e paganto fior di euro, BOLDRINI...SCEGLIAA, guardati allo specchio se hai il coraggio e poi sputati in faccia solo questo puoi fare, onore a queste donne, mamme, figlie nonne,

    Report

    Rispondi

  • spalella

    26 Gennaio 2015 - 16:04

    una guerra fatta con le fionde. Le armi più potenti di cui dispoingono sono cannoncini montati su semplici Suv... e l'occidente parla di : ''pericolo dei delinquenti musulmani dell'isis'' ?? ma non fateci ridere. Diciamo invece che i politici occidentali GIOCANO con questi selvaggi solo per calcolo, becero, politico e sulla nostra pelle... tanto per cambiare.

    Report

    Rispondi

  • fofetto

    26 Gennaio 2015 - 13:01

    Anche se la foto fosse stata fatta a solo scopo propagandistico ad occhio e croce ognuna di queste donne vale per lo meno 1.000 delle nostre e 10.000 (diecimila), se non di più, Boldrine. Garantito.

    Report

    Rispondi

blog