Cerca

Nel mirino

Violata ancora la sicurezza della Casa Bianca, un piccolo drone trovato nel parco di Obama

Violata ancora la sicurezza della Casa Bianca, un piccolo drone trovato nel parco di Obama

Nei mesi scorsi vi è stata una grande polemica, con successive dimissioni di vertici del Secret Service, per le troppo frequenti intrusioni di individui, anche armati, all’interno della Casa Bianca. Oggi un nuovo episodio continua a dimostrare le grandi lacune nell'apparato sicurezza di Washington. Un piccolo drone è stato trovato dagli agenti del Secret Service nel parco della White House. Lo riportano le emittenti americane, sottolineando che dopo il ritrovamento, avvenuto questa mattina presto, è scattato l’allarme e il ’lockdown’, cioè la misura di sicurezza che prevede che nessuno entri o esca da un determinato edificio.

Obama non c'era - Barack Obama non si trova alla Casa Bianca, dal momento che è arrivato ieri, accompagnato dalla moglie Michelle, a Nuova Delhi. E dalla capitale indiana il portavoce della Casa Bianca, Josh Earnest, ha confermato il ritrovamento di un dispositivo, sottolineando però che non vi sarebbe una situazione pericolosa in corso. "Un dispositivo è stato rinvenuto dal Secret Service alla Casa Bianca - ha detto - dalla prime indicazioni non risulta che costituisca al momento nessuna sorta di minaccia per nessuno". In ogni caso, nell’area sono arrivati diversi mezzi di emergenza, mentre agenti del Secret Service e della polizia hanno chiuso e bloccato la zona.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Gios78

    26 Gennaio 2015 - 21:09

    L'uomo a capo della ex nazione più potente del mondo non è in grado di garantire neppure la sicurezza della sua casa. Ma Obama è così. Grandi sorrisi, la pallacanestro, la moglie gelosa, la schiera di cortigiani miliardari di Hollywood, il leccapiedi personale Letterman...e intanto il mondo va a fuoco e nel giardino della casa bianca può entrare chiunque. Great job Mr President

    Report

    Rispondi

blog