Cerca

L'agente del Kgb avvelenato con il polonio

Caso Litvinenko, la vedova accusa Putin: "E' stato lui a uccidere mio marito"

Caso Litvinenko, la vedova accusa Putin: "E' stato lui a uccidere mio marito"

Alexander Litvinenko fu assassinato in "un’esecuzione di stato" ordita dalla Russia di Vladimir Putin. A dimostrarlo, scrive il Telegraph, una serie di intercettazioni effettuate dalla National security agency (Nsa) statunitense nei confronti di alcuni personaggi chiave, tra Londra e Mosca, legati alla morte dell’ex agente del Kgb. La rivelazione è arrivata pochi giorni prima l’inizio dei lavori della Commissione d’inchiesta sulla morte di Litvinenko, avvelenato a Londra con il polonio 210 nel novembre del 2006, ma ieri, come racconta Fabio Cavalera sul Corsera, l'avvocato della vedova Litvinenko, Ben Emmerson, durante la prima udienza, in aula ha detto senza giri di parile chi è il killer: "Vladimir Putin è, né più e né meno, un criminale comune vestito da capo di Stato".

Udienze secretate - Siamo solo all'antipasto ma non è detto che tutto venga fuori. Molte delle udienze, iniziate ieri e che si svolgeranno per nove settimane presso l’Alta Corte britannica, verranno infatti secretate. Tuttavia, scrive il Telegraph, il materiale fornito dalla Nsa costituisce la prima prova del coinvolgimento della Russia nell’assassinio dell’ex agente del Kgb e spiega la sicurezza con la quale vari esponenti politici britannici hanno sempre accusato la Russia per la morte di Litvinenko.

Due avvelenamenti - Fonti delle Royal Courts of Justice hanno inoltre confermato alla Bbc che Litvinenko aveva già subito in precedenza due tentativi di uccisione. Sempre alla Bbc, l’avvocato della vedova Litvinenko, Marina, ha descritto l’uccisione dell’uomo "un caso di terrorismo nucleare nelle strade di Londra, sponsorizzato da uno Stato". La donna, dopo la morte di suo marito, aveva subito accusato il Cremlino, ma la Russia ha sempre negato ogni coinvolgimento. Litvinenko si era autoesiliato nel Regno Unito, per diventare uno strenuo
oppositore di Mosca e per collaborare con l’intelligence britannica dell’MI6. Ora appunto la rivelazione: gli assassini avevano già tentato due volte di avvelenare Litvinenko, prima
di quel tè al polonio 210 che gli fu fatale.

La registrazione - Il Thelegrapf inoltre ha scoperto l’esistenza di una registrazione audio effettuata da Litvinenko un anno prima del suo avvelenamento. Nel nastro, l’ex spia del Kgb rivela i "buoni rapporti" che intercorrevano tra il presidente russo Vladimir Putin e il boss ucraino Semion Mogilevich, inserito nella lista nera dei criminali più ricercati dall’Fbi e ritenuto da Litvinenko un fornitore di armi di Al Qaeda. Secondo il Telegraph, la registrazione rafforza i sospetti sulla morte di Litvinenko, che potrebbe essere stato assassinato a causa di quanto aveva scoperto, nelle indagini condotte in Paesi come la Spagna, l’Italia e la Georgia, dopo aver lasciato il Kgb e la Russia e aver trovato rifugio a Londra nel 2000. Verosimilmente, i sospetti verranno riproposti nel corso delle udienze della Commissione d’inchiesta presieduta dall’ex giudice dell’Alta Corte sir Robert Owen che lo scorso anno affermò di aver esaminato prove che a "prima vista" dimostravano il coinvolgimento dello stato russo nell’assassinio di Litvinenko.

L'inchiesta - L’inchiesta presieduta da Owen, ordinata lo scorso anno dal ministro dell’Interno Theresa May, sostituisce l’altra inchiesta condotta dalla polizia britannica ed ha come obiettivo principale stabilire se dietro la morte dell’ex agente del Kgb vi sia la responsabilità del Cremlino. In particolare, le autorità britanniche accusano della morte dell’ex spia russa due ex agenti del Kgb, Andrei Lugovoy e Dimitri Kovtun. Sia Lugovonoy, oggi parlamentare che Kovton hanno sempre negato qualsiasi coinvolgimento e le autorità russe si sono sempre rifiutate di accogliere le richieste di estradizione nei confronti dei due  accusati, sui quali pende anche un mandato di arresto internazionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pavolinia

    29 Gennaio 2015 - 17:05

    fra poco accuseranno Putin di essere il capo dell'isis, e di aver suggerito ad Hitler di invadere la polonia. Ma questo è giornalismo o propaganda di quel paese immondizia chiamato stati uniti ?

    Report

    Rispondi

  • allerria

    29 Gennaio 2015 - 15:03

    oramai Putin lo accusano di tutto,sicuramente ci ha fatto il callo.il reato di krimine contro l'umanità non conosce prescrizione:resto in attesa di vedere gli USA alla sbarra per i due bombardamenti nucleari sul Giappone tanto kriminali quanto inutili.solo per provare dal vero gli effetti della bomba e spaventare,inutilmente, Stalin.ciao a tutti

    Report

    Rispondi

  • 28 Gennaio 2015 - 12:12

    Balle spaziali, di criminali i mandanti che negli ultimi 6 anni di ANTI DEMOCRAZIA,METICCIATA che hanno fomentato e FINANZIATO!!!.... GOLPE,GUERRE,BOMBARDAMENTI UMANITARI (imposti ONU),STERMINI DI MASSA,CRISI FINANZIARIE, ecc. signori se non credete nemmeno ai FOMENTATORI e FINANZIATORI, NAZI, ISIS non vedo a chi dovreste......CREDERE, è Putin che fa bombardare scuole,autobus,case,ospedali ecc.

    Report

    Rispondi

  • zhoe248

    28 Gennaio 2015 - 10:10

    Beh, certo che se lo dicono gli americani della NSA e i loro colleghi inglesi ci crediamo a occhi e orecchie chiuse!! Stiamo ancora aspettando le prove dell'aereo malese che evidentemente non riescono ad architettare xchè smentibili dai dati, reali, dei russi. Sono di una sfacciataggine senza limiti di decenza. E x rivelare questa inoppugnabile verità dopo 9anni la signora quanto ha percepito?

    Report

    Rispondi

blog