Cerca

Controcorrente

La Croazia cancella il debito ai cittadini più poveri

La Croazia cancella il debito ai cittadini più poveri

E' partita oggi in Croazia una manovra a dir poco unica: molti poveri non hanno più debiti. Lo ha deciso il governo di Zoran Milanovic, che ha firmato un accordo con banche e compagnie di finanziamenti, rinunciando in prima persona ai crediti dovuti da persone in difficoltà, che in ogni caso non avrebbero potuto restituire il debito dovuto.

La manovra in breve - L'operazione è stata decisa dal 15 gennaio, ma è operativa da oggi. In Croazia il reddito medio è di 750 euro al mese, i destinatari di questo aiuto, che partirà il 2 aprile, sono coloro che fanno parte di un nucleo familiare con un reddito pro capite inferiore a 1.250 kune al mese (ovvero 162 euro), e i cittadini con reddito fino a 2.500 kune (330 euro). Ma non è tutto, per accedere bisogna avere a carico un affitto e non essere in grado di sostenere gli impegni di spesa sottoscritti in passato; a questo punto si potrà beneficiare di un'amnistia fino a 4.500 euro di debito. La misura dovrebbe coinvolgere fino a 60mila cittadini rispetto a una popolazione di 4 milioni.

Le conseguenze - il costo di questo progetto, nominato "Cancella debito" si aggira sui 210 milioni di kune, ovvero 27 milioni di euro, per le casse dello stato croato. Ma, i benefici, ha affermato il populista Zoran Milanovic, saranno di breve e lungo termine.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Satanasso

    26 Aprile 2015 - 10:10

    In Croazia non esiste la Mafia...

    Report

    Rispondi

  • luissbarbiss

    03 Febbraio 2015 - 10:10

    In Italia hanno fatto esattamente il contrario. Stanno affamando ancora di più la gente normale per arricchire BANCHE, POLITICA e CASTA. Fortunatamente non ho figli, mi terrorizza lo scenario futuro. In 70 anni non sono MAI stato pessimista, ma quello che vedo parla da solo.-

    Report

    Rispondi

  • antoniobaldo

    03 Febbraio 2015 - 08:08

    in ITALIA invece di aiutare i poveri eleggiamo un presidente con vitalizio circondato da una famiglia di raccomandati.

    Report

    Rispondi

blog