Cerca

Duello

Angela Merkel, il gran rifiuto: non vuole incontrare Alexis Tsipras

Angela Merkel, il gran rifiuto: non vuole incontrare Alexis Tsipras

Il "golden boy" dei no-euro, il premier greco Alexis Tsipras, rischia di incassare un pesante colpo da Angela Merkel. La "sua" Grecia, infatti, vuole rinegoziare le condizioni di salvataggio imposte da Bruxelles e, soprattutto, vuole liberarsi dalla ingombrante presenza della troika. Di tutt'altro avviso la cancelliera del rigore. E la differenza di vedute sta per generare un ulteriore caso diplomatico. Tsipras, infatti, ha inaugurato oggi da Cipro la sua prima missione in Europa. Le prossime tappe saranno Roma, martedì, poi Parigi e quindi Bruxeles.

Nessun incontro - E la Germania? La Germania nicchia: "Sarebbe un ospite e un interlocutore benvenuto anche a Berlino, sebbene una sua visita al momento non figuri da nessuna parte né risultino preparativi per un incontro bilaterale con Angela Merkel". Così la portavoce della cancelliera, Christiane Wirtz. Una dichiarazione arrivata tutt'altro che a caso. Indiscrezioni governative, fonti anonime citate da Bloomberg, affermano infatti che la Merkel vuole evitare ad ogni costo il faccia a faccia con Tsipras, e si starebbe opponendo ad ogni tentativo di organizzarlo (magari già a Bruxelles, il prossimo 12 febbraio, a margine del Consiglio europeo). Le parole della portavoce, dunque, mirano a "normalizzare" la situazione, a spegnere la miccia innescata dal (probabile) "nein" della Merkel sul faccia a faccia.

Chi si vede - Già, perché nonostante le dichiarazioni di facciata, Angela starebbe mirando ad enfatizzare il più possibile la posizione d'isolamento in Eruopa della Grecia e di Tsipras: il presunto gran rifiuto, dunque, avrebbe questo obiettivo. Poi, certo, la portavoce ha aggiunto che Berlino "con il nuovo governo greco ha l'interesse e la volontà d'intrattenere rapporti positivi e amichevoli", anche se - si è affrettata a sottolineare la Wirtz - "ciò di per sé non impedisce colloqui bilaterali verosimilmente duri". La Germania ha aggiunto che "sulla questione dell'euro il governo tedesco si atterrà sicuramente alle proprie posizioni di fondo". E sull'ostilità della Grecia alla troika, la portavoce della Merkel aggiunge che "non vede alcun motivo per allontanarsi da un meccanismo così consolidato". Dunque, l'unica riunione che ad oggi sarebbe sui radar, è quella tra il ministro delle Finanze di Berlino, Wolfgang Schaeuble, e l'omologo greco Yanis Varoufakis: questo è quanto ha affermato una portavoce dello stesso Schauble. Insomma, l'annuncio verrà annunciato a breve. Ma non quello tra la Merkel e Tsipras.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    05 Febbraio 2015 - 16:04

    Fa bene la Merkel ma deve dire NO pure al nostro bullo che di Tsipras è un sosia.

    Report

    Rispondi

  • txyleo

    03 Febbraio 2015 - 11:11

    ma perche' i governanti europei devono parlare con quella sboldra? allora ditelo che l'UE e' il Quarto Reich. Vedo che il primo ministro inglese non va mai a parlare con la Merkel. Un motivo ci sarà.

    Report

    Rispondi

  • Gios78

    03 Febbraio 2015 - 10:10

    Angela Merkel non vuole incontrare Tsipras perché i due non avrebbero niente da dirsi. La tedescona tutta lardo e rigore contro il giovane, pimpante greco comunista. Quello si limiterebbe a dire che la Grecia al momento non paga, frau Merkel risponderebbe che invece deve pagare. Non sarebbe un gran dialogo..

    Report

    Rispondi

  • GIORGIOPEIRE@GMAIL.COM

    GIORGIOPEIRE

    03 Febbraio 2015 - 06:06

    Vorrei capire come ha fatto la Grecia ad accumulare un tale debito. Anche se la vendono, credo non riescono a colmare il debito.

    Report

    Rispondi

    • oasis77

      03 Febbraio 2015 - 11:11

      Sig. Giopei, la grecia ha accumulato tale debito in quanto la maggioranza dei "lavoratori" era ed è pubblico impiego..( ecco perchè l'italietta la paragonano alla grecia).. Inoltre hanno accumulato un grosso debito con le olimpiadi (cosa che vorrebbe fare anche il "nostro" governo nel '22..

      Report

      Rispondi

      • estremista

        06 Febbraio 2015 - 17:05

        beh si, del resto 600 mila dipendenti pubblici su 11 milioni di abitanti sono la maggioranza dei lavoratori...e poi beh certo le olimpiadi....olimpiadi che sono costate circa 10 mld ma che hanno fatto un buco da 300 mld..ovvio no! Magari che il debito è stato fatto perchè le banche francesi e tedesche prestavano soldi con la carriola ai greci??? circa 160 mld....magari eh dico....

        Report

        Rispondi

      • allerria

        03 Febbraio 2015 - 13:01

        ottima risposta!ciao

        Report

        Rispondi

blog