Cerca

Incidenti domestici

Donna "aggredita" dall'aspirapolvere, intervengono i pompieri e la salvano

Donna "aggredita" dall'aspirapolvere, intervengono i pompieri e la salvano

Stava schiacciando un pisolino sul pavimento, quando all’improvviso il robot che aveva comprato per svolgere le faccende domestiche al suo posto le se è rivoltato contro ’succhiandole' i capelli, al punto che c’è voluto l’intervento dei vigili del fuoco per liberarla. È successo ad una donna di 52 anni residente della città di Changwon, in Corea del Sud, vittima di quello che molti credono sia un ’assaggio' di un futuro dispotico in cui robot apparentemente benigni si rivoltano contro i loro padroni umani.

Disperata - Quando la donna ha investito i suoi soldi nel robot aspirapolvere, l’idea era quella di lasciare fare il suo lavoro ad un gadget affidabile, mentre lei poteva godersi momenti di pace. Certo non avrebbe mai pensato che la macchina le avrebbe agganciato i capelli, a quanto pare scambiandoli per polvere. L’agonia di avere i capelli impigliati nelle viscere dell’aggeggio ha svegliato improvvisamente la donna che, non riuscendo a liberarsi, si  è rivolta ai vigili del fuoco con una "disperata richiesta d’aiuto". A salvarla dalle grinfie del robot, secondo il giornale sudcoreano Kyunghyang Shinmun, sono stati proprio i paramedici. Fortunatamente la 52enne non ha subito gravi lesioni, ma non è noto se continuerà ad avvalersi dei servizi del pulitore automatico. I robot aspirapolvere sono cresciuti in popolarità negli ultimi anni.

Dormire in terra - Le apparecchiature su ruote sono dotate di sensori che consentono loro di evitare gli ostacoli, di non cadere dalle scale e di individuare polvere e detriti sul pavimento. Possono anche essere programmati per andare alla ricerca di un punto di ricarica. Korean Biz Wire sottolinea però che persone che vivono in Paesi in cui è normale sedersi e dormire per terra, come Giappone e Corea del Sud, sono più esposti alla furia dei robot aspirapolvere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog