Cerca

Estremismo d'esportazione

Voleva combattere per l'Isis: italiano arrestato in Iraq

Voleva combattere per l'Isis: italiano arrestato in Iraq

Voleva arruolarsi nelle file dei jihadisti per la nascita del Califfato islamico. Per questo, aveva lasciato l'Italia e raggiunto la zona settentrionale dell'Iraq, quella più "calda", insieme ad alcune regioni della Siria, nello scontro tra gli islamisti e le truppe di baghdad supportate dagli alleati occidentali. il suo piano, però, non è andato in porto. E il cittadino italiano è stato arrestato a Erbil perché sospettato di voler entrare nelle fila dello Stato islamico. Ad annunciarlo è stato il presidente del Kurdistan iracheno, Massoud Barzani, in un'intervista per il quotidiano "al Hayat". L'individuo, ha riferito il leader curdo, sarebbe entrato in territorio iracheno attraverso la Turchia con i "documenti in regola". L'ambasciatore italiano a Baghdad, Massimo Marotti, ha confermato l'arresto. L'episodio risale tuttavia ad "alcuni mesi fa", ha precisato il diplomatico italiano. La persona, ha assicurato Marotti, "viene assistita d'intesa con le autorità locali" e l'ambasciata è "in costante contatto con la famiglia". Le indagini da parte delle autorità di Erbil sono in ogni caso ancora in corso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nehopienele

    26 Febbraio 2015 - 20:08

    Sparate a quel pirla !!!

    Report

    Rispondi

  • sempreadestra

    10 Febbraio 2015 - 12:12

    Per quale motivo se ne deve interessare lo stato italiano? Lasciatelo marcire in galera, se viene condannato e messo a morte saranno cavoli suoi!!! Il sig.Gentiloni non scucia un euro per questo imbecille anche perchè gli euro sono i nostri (le tasse che paghiamo) e siamo stanchi di fare beneficenza a deficienti!!!

    Report

    Rispondi

  • fossog

    09 Febbraio 2015 - 18:06

    cittadino italiano ? cittadino italiano Sulla Carta, cioè per Finta, oppure un italiano Vero ma malato di mente ? LA DIFFERENZA è SOSTANZIALE : L'UNO un Finto italiano, un italiano ''di carta'' come dimostrebbe questa sua Bravata Terrorista, mentre L'ALTRO è sicuramente un frutto malato della nostra civiltà decadente che non segue i giovani, e li lascIa allo sbando. COMUNQUE SIA SE LO TENGANO.

    Report

    Rispondi

  • EhEhEh

    09 Febbraio 2015 - 17:05

    Diteci nome e cognome e pubblicate foto..in modo da poter spiegare ai nostri figli mostrandoglieli cosa e' un deficiente!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog