Cerca

Orge animalesche

L'accusa di due prostitute in aula a l'ex Fmi Dominique Strauss-Kahn: "Costrette ad atti bestiali"

L'accusa di due prostitute in aula a l'ex Fmi Dominique Strauss-Kahn: "Costrette ad atti bestiali"

"Ma devo proprio spiegarvi tutto" dice sconfortato l'imputato uomo di mondo Dominique Strauss-Kahn che in aula a Lille tiene una lezione su cos'è il libertinaggio. Stefano Montefiori, inviato del Corriere della Sera, racconta come DSK, tono calmo e le mani in tasca, racconti al microfono la differenza tra libertine, prostitute ed escort. Il giudice Bernard Lemaire sembra uno studente al primo anno di mondo reale, chiede, ascolta, approfondisce. E rimane allibito quando gli raccontano che esistono donne che a volte si fanno pagare, altre no per una prestazione sessuale. E se ricevono denaro, è solo perché la cosa le eccita. Le testimoni ascoltate però raccontano di rapporti bestiali, 

Codice penale e morale - Strauss-Kahn è accusato di concorso in sfruttamento della prostituzione e rischia 10 anni di carcere più un milione e mezzo di euro di multa. Lunedì 9 febbraio si è difeso, ha insistito sul fatto che non sapeva che le ragazze incontrate alle feste fossero prostitute: "Avrei rifiutato di partecipare - ha detto - ho orrore delle prostitute", per lui poco appagante e rischioso. Per la legge francese, il cliente non viene pagato. Se le cose stessero come dice lui, per DSK sarebbe una passeggiata di salute. E poi la sua difesa insiste: "In tribunale vale il codice penale, non quello morale".

Testimoni - A mettere nei guai l'ex direttore generale Fmi però sono state due prostitute, Mouna e Jade. Sono loro a raccontare di sottomissione e atti a cui non erano abituate, di disperazione per non avere come sfamare i figli e il rischio crescente che vengano portati via dall'assistenza sociale, per non parlare dei tentativi di suicidio e poi i pianti.

Bestiale - L'ex candidato della Sinistra francese all'Eliseo rivendica che quei momenti di sesso di gruppo, tra il 2009 e il 2011, erano "parentesi ricreative". E invece la prostituta Mounia, francese di origini marocchine, scoppia in lacrime quando ricorda che DSK praticava su di lei un atto "bestiale [...] Mi faceva molto male e io gli facevo capire che non volevo, ho provato a ritrarmi ma lui continuava e ha riso dall'inizio alla fine". Carica la dose la collega Jade: Al Murano era un carnaio, lui unico uomo sul letto con intorno sette o otto donne, non si usava il condom, io mi sono rifiutat6a allora ha preso la testa e mi ha fatto fare un rapporto orale. E poi sono stati violenti usando un vibratore su un'altra ragazza. Me ne sono andata, avevo il disgusto. Nel libertinaggio - istruisce l'aula Jade - ci si conosce, si comunica. Quella era solo brutalità. DSK risponde che: "Evidentemente abbiamo ricordi diversi", lui voleva solo giocare e sostiene che tutti volessero farlo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • routier

    12 Febbraio 2015 - 08:08

    Fa più scandalo un trombatore di puttane che un pedofilo omosessuale. Ma in che mondo viviamo ?

    Report

    Rispondi

  • spadino65

    11 Febbraio 2015 - 17:05

    anche se di sinistra....lo dovete difendere

    Report

    Rispondi

blog