Cerca

La minaccia

Isis contro il ministro Paolo Gentiloni: "Rappresentante dell'Italia crociata"

Paolo Gentiloni

L'Isis avanza in Libia. L'Italia, ora a portata di missile, si muove, reagisce, e con il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, spiega di essere pronta a "combattere in Libia in un quadro di legalità internazionale". Gentiloni sottolinea che "l'Italia è minacciata da quello che sta accadendo in Libia. Non possiamo accettare l'idea che a poche miglia di navigazione ci sia una minaccia terroristica". La risposta dei tagliagole non si è fatta attendere: il governo italiano, infatti, è ufficialmente entrato nella lista dei nemici dello Stato Islamico. Nel mirino ci è finito Gentiloni, definito "ministro dell'Italia crociata". La notizia è stata diffusa dall'emittente al Bayand, da Mosul, nel nord dell'Iraq. Il comunicato dell'Isis continuava: "Gentiloni dopo l'avanzata dei mujaheddin in Libia ha detto che l'Italia è pronta a unirsi alla forza guidata dalle Nazioni atee per combattere contro lo Stato islamico. In arabo, l'espressione "nazioni atee", è un riferimento implicito alle Nazioni Unite perché le due espressioni in arabo sono assai simili.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Gios78

    14 Febbraio 2015 - 22:10

    Non potremmo consegnare loro quella inutile zecca di Gentiloni? Almeno ce lo leviamo dalle palle

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    14 Febbraio 2015 - 18:06

    Chi ?? Gentiloni ??? Non è che perderemmo niente di così importante visto che sino a pochi giorni fà inneggiava nel portarsi a casa tutti gli immigrati dall'Africa. Lui, la Boldrini, Renzi e tutto il gruppo politico di sinistra sono i nostri baluardi di difesa, se li mandiamo in Libia, l' ISIS scappa subito. Se Renzi non ci vorrà andare scopriremo che non è solo "Pinocchio" ma anche "Codardo".

    Report

    Rispondi

  • cuciz livio

    14 Febbraio 2015 - 18:06

    Trattandosi di Gentiloni ci farebbero un favore, è uno di quelli che si scandalizzava del rapporto fra Gheddafi e Berlusconi.Vada lui adesso ad estrarre petrolio in Libia,il coglione.Con tutti gli appalti che che nostre inprese avevano laggiù....tutto finito,maestranze a casa ed avanti o popolo.

    Report

    Rispondi

    • ZJARRI

      ZJARRI

      14 Febbraio 2015 - 19:07

      se non vado errato, era Berlusconi a tradire il rapporto con Gheddafi.

      Report

      Rispondi

  • paolo123

    14 Febbraio 2015 - 18:06

    Dopo tutto quello che ha fatto qs governo x agevolare il terrorismo è il loro ringraziamento? Ingrati

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog