Cerca

Terrore continuo

Copenaghen, attacco islamico in un bar: un morto e due feriti. L'obiettivo era un vignettista

Copenaghen, attacco islamico in un bar: un morto e due feriti. L'obiettivo era un vignettista

Una nuova pioggia di piombo. Un nuovo attacco islamico. L'attentato si è consumato a Copenaghen, dove era in corso un dibattito su Islam e libertà di parola. Il primissimo bilancio è di un morto civile e tre agenti di polizia feriti. Secondo le prime ricostruzioni rilanciate dalla tv danese Tv2 gli agenti sono stati portate via in barella. Nel corso della sparatoria sono stati esplosi più di 40 colpi. I media locali riferiscono che l'incontro era stato organizzato dall'artista svedese Lars Vilks, già finito nel mirino degli estremisti islamici a causa di una caricatura del profeta Maometto pubblicata nel 2007. Le motivazioni che potrebbero aver spinto a sparare i probabili attentatori islamici, dunque, ricalcherebbero in toto quelle degli stragisti nel Charlie Hebdo. All'incontro era presente anche l'ambasciatore di Francia, Francois Zimeray, che dopo la sparatoria ha scritto su twitter: "Sono ancora vivo". Anche Vilks, che sarebbe stato l'obiettivo primario, è illeso. Ora è iniziata la caccia a due sospetti, che sarebbero fuggiti a bordo di un'auto nera. Di seguito, il tweet dell'ambasciatore francese.

I precedenti - Il dibattito - che si svolgeva nel caffè Krudttoenden, noto in città per i concerti jazz - si discuteva su come conciliare la libertà d'espressione e il rispetto delle religioni all'indomani della strage di Parigi nel Charlie Hebdo, avvenuta lo scorso 7 gennaio, quando vennero massacrate 12 persone, tra i quali il direttore e tre vignettisti. Come detto, nel mirino dei terroristi anche in quest'occasione c'era il vignettista Lars Vilks, 68 anni, che già negli scorsi anni aveva subito attentati. Lo scorso anno, in Pennsylvania, una donna è stata condannata a 10 anni di carcere poiché coinvolta in un complotto per ucciderlo. E ancora, nel 2010, due fratelli cercarono di bruciare la sua casa nel sud della Svezia. I due sono poi stati incarcerati per tentato incendio doloso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mab

    14 Febbraio 2015 - 20:08

    Ma come, i danesi adorano questi straccioni puzzolenti e adesso si lamentano???

    Report

    Rispondi

  • Albatross

    14 Febbraio 2015 - 19:07

    Gli idioti che latrano come cani inutili distinguo sul rispettare le religioni di questi maomettani dal culo nero (come li chiamano in Russia) se ne tornassero a cuccia nei loro canili, perché sono gli stessi che difendevano a spada tratta pari opere come Mistero Buffo di quell'ex R.S.I. di Dario Fo ecc. Del resto, i cattolici non sgozzano, gli jjhaidisti si. Brutta cosa, la vigliaccheria, vero?

    Report

    Rispondi

  • acamsmacat

    14 Febbraio 2015 - 19:07

    Francesco lecca il culo agli islamici, dato che Gesù disse di perdonare tutti, anche il proprio nemico.

    Report

    Rispondi

  • ljyvjhftyg

    14 Febbraio 2015 - 17:05

    Uccidiamoli tutti questi negri di merda. Che ogni italiano faccia la sua parte partendo da chiunque sia islamico, dal negro per strada agli assalti alle moschee

    Report

    Rispondi

    • routier

      14 Febbraio 2015 - 18:06

      Lo avevo previsto molto tempo fa. Piaccia o non piaccia presto arriveremo ai famigerati "pogrom". (io spero di no, ma sono pessimista)

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog