Cerca

Imprevisto

Gli attentatori di Parigi il giorno prima erano a letto con vomito e diarrea

Gli attentatori di Parigi il giorno prima erano a letto con vomito e diarrea

Poche ore prima di entrare in azione, gli attentatori di Parigi sono stati presi alla sprovvista da un virus intestinale o probabilmente dalla strizza. Dagli sms intercettati dalla polizia è stato chiaro che gli attacchi terroristici a Parigi del 7 gennaio 2015 alla redazione di Charlie Hebdo e due giorni dopo al supermercato Kosher erano stati pianificati e coordinati, ma un incidente di percorso ha rischiato di far annullare i piani agli attentatori. Gli sms scambiati tra i fratelli Kouachi e Amedy Coulibaly sono stati inseriti nel fascicolo dell'inchiesta sul quale è riuscita a mettere le mani la redazione del quotidiano francese Le Monde.

Imprevisto - Sei sms in tutto, con l'ultimo partito alle 10:19 del 7 gennaio, cioè un'ora prima dell'irruzione nella sede del giornale satirico e la strage dei 12 collaboratori. A 24 ore dall'inizio dell'operazione, però, qualcosa stava andando storto per i terroristi. Anzi il rischio era che tutto potesse saltare perché tutta la famiglia di Said Kouachi, compreso il bambino di 2 anni, era stata colpita da una fortissima gastroenterite. Lo stesso Said ha passato la giornata tra il suo letto e il bagno, in preda a vomito e diarrea. Secondo il dossier della polizia, Said il giorno dopo era fortemente debilitato, ma l'azione doveva andare avanti sapendo che proprio il 7 gennaio la redazione di Charlie Hebdo si sarebbe riunita.

Altro che internet - I tre terroristi hanno usato telefoni dedicati all'operazione e una tecnologia tutto sommato tra le più semplici della telefonia cellulare. L'ultimo sms delle 10:19 è partito dall'indirizzo dell'abitazione di Sherif Kouachi, a Gennevilliers nel dipartimento di Hauts-de-Seine. A riceverlo Amedy Coulibaly su una delle tredici utenze sulle quali riceveva comunicazioni dai fratelli Kouachi negli ultimi mesi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bernardroby

    18 Febbraio 2015 - 11:11

    Non credo nelle teorie del complotto , comunque , piu guardo il video del poliziotto francese , ucciso nell'attentato , e piu rimango dubbioso , se avete stomaco guardate le esecuzioni sommarie dell'Isis , le conseguenze devastanti di colpi esplosi contro inermi esseri umani , e riguardate il proiettile che rimbalza sul cemento di Parigi con un angolazione diversa , l'effetto non e comparabile !

    Report

    Rispondi

  • eden

    17 Febbraio 2015 - 20:08

    Se non sono nemmeno capaci di portare a casa i MARO, vogliono negoziare con i tagliagole in Libia? Ma la smettano di fare i buffoni atteggiandosi a statisti, abbiamo politici venditori di aria fritta e fumo.

    Report

    Rispondi

    • blues188

      18 Febbraio 2015 - 09:09

      Calma, calma. Ora abbiamo Gentiloni. Ha promesso o no di risolvere la situazione dei marò? Diamo tempo. diamo almeno cento anni (che sono?) e vedremo i marò tornare a casa..

      Report

      Rispondi

  • ramius

    17 Febbraio 2015 - 20:08

    se volete uno spaccato di quello che fanno questi delinquenti provate (al hayat media center) e poi ne riparliamo altro che diplomazia solo l'atomica ci può salvare

    Report

    Rispondi

  • Gios78

    17 Febbraio 2015 - 20:08

    Quel ritardato mentale di Renzi vuole lo sforzo diplomatico. Ci andrà lui a trattare con Al baghdadi. Stupido cazzone con le palle mosce...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog