Cerca

Querelle Atene-Berlino

Grecia, la Corte Suprema sequestra i beni tedeschi come risarcimento dei crimini nazisti

Grecia, la Corte Suprema sequestra i beni tedeschi come risarcimento dei crimini nazisti

Il ministro della Giustizia greco si è detto pronto a firmare una sentenza della Corte Suprema che consentirà al governo di sequestrare beni tedeschi come parziale risarcimento per i crimini commessi nel paese dai nazisti. Riferendosi ad una decisione pronunciata nel 2000 dalla massima istanza giuridica del paese, Nikos Paraskevopoulos ha ricordato che il provvedimento sosteneva il diritto dei sopravvissuti della città di Distomo - dove nel 1944 le forze naziste uccisero oltre 218 persone - a chiedere un risarcimento. "La legge", ha ricordato il responsabile della Giustizia, "stabilisce che per attuare il provvedimento è necessario un ordine del ministro. Ritengo che tale permesso debba essere dato e sono pronto a farlo", ha aggiunto nel corso di un’intervista all’emittente Ant1. Ieri il parlamento ellenico aveva deciso di creare una commissione incaricata di chiedere il pagamento dei danni di guerra alla Germania.

Il no tedesco - Da parte sua i tedeschi fanno orecchie da mercante. La Germania "non terrà un negoziato con la Grecia sulle riparazioni di guerra, perchè non c'è ragione di farlo", ha fatto sapere il portavoce del ministero delle Finanze tedesco, Martin Jaeger, secondo il quale "si tratta di una questione che è stata risolta". "Le richieste del governo greco", ha aggiunto Jaeger, "costituiscono una distrazione rispetto ai seri problemi a cui deve far fronte la Grecia".

Tsipras insiste - Ma il premier greco Alexis Tsipras non ha nessuna intenzione di mollare e rilancia l'accusa alla Germania di usare trucchi legali per evitare di pagare le riparazioni di guerra. Tzipras ha fatto anche sapere che porterà la questione in Parlamento per studiare il da farsi. "Dopo la riunificazione tedesca del 1990", ha detto in Aula, "si erano create le condizioni legali e politiche per risolvere la questione. Ma da allora i governanti tedeschi hanno scelto la linea del silenzio, trucchi legali e rinvii". "Mi domando", ha aggiunto il premier, "poichè in questi giorni c’è un gran parlare a livello europeo di questioni morali: questa posizione è morale?".

Le stime - Il governo greco non ha mai ufficialmente quantificato i danni di guerra da chiedere alla Germania, mentre Berlino sostiene di aver onorato i suoi obblighi dopo il pagamento di 115 milioni di vecchi marchi del 1960, pari a 59 milioni di euro. Secondo Tsipras il pagamento del 1960 copre solo i rimborsi alle vittime dell’occupazione nazista e non le distruzioni subite dalla Grecia durante l’occupazione tedesca. Il precedente governo di Antonis Samaras aveva stimato intorno ai 162 miliardi di euro l’ammontare delle riparazioni che Berlino avrebbe dovuto pagare ad Atene. Secondo Tsipras la richiesta di Atene è un "obbligo storico", mentre la Germania si considera esentata dal pagamento dei danni di guerra.

Il patto di Londra - Il nodo da sciogliere è il patto di Londra del 1953 nel quale Berlino e altri 21 paesi siglarono un’intesa sui debiti contratti dalla Germania durante la Prima e la Seconda guerra mondiale. La prima decisione riguardò i debiti contratti fino al 1933, pari a 32 miliardi, la metà dei quali venne cancellata e l’altra metà pagata a condizioni molto favorevoli. Per i debiti legati ai danni della Seconda mondiale si decise invece di rimandare la faccenda a dopo la riunificazione tedesca. Nel 1990 però il cancelliere Helmut Kohl si oppose al pagamento delle riparazioni, spiegando che si trattava di richieste insostenibili, che avrebbero portato la Germania alla bancarotta. Gli Stati Uniti appoggiarono questa posizione. A partire dagli anni Sessanta Berlino ha stabilito degli accordi di compensazione volontari con alcuni paesi per i danni causati dal nazismo e nell’ottobre 2001 Berlino ha finito di rimborsare i debiti imposti dal trattato di Londra del 1953.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dplucia

    12 Marzo 2015 - 08:08

    Ci manca la bandiera tricolore sul Partenone con picchetto di Granatieri Italiani. Ricordatevi che anche gli Italiani hanno occupato ed iniziato la guerra alla Grecia: Noi abbiamo dato alla popolazione greca tanto psomì e diverso piombo

    Report

    Rispondi

  • Meneghino

    12 Marzo 2015 - 04:04

    Se fossi un tedesco nato dopo il 1930, manderei a fare in culo chiunque mi chiedesse di pagare dei danni di cui io assolutamente non sono responsabile nemmeno in minima parte, soprattutto tenuto conto che la Germania, dai vincitori è stata completamente rasa al suolo ed io non avrei ereditato nulla perché non c'era più nulla da ereditare che fosse intero.

    Report

    Rispondi

  • dsmik83

    11 Marzo 2015 - 23:11

    Magari avessimo anche noi un Tzipras ..anzicchè quei ca---ni fighetti che abbiamo

    Report

    Rispondi

    • Corbaccio

      12 Marzo 2015 - 11:11

      La guerra alla Grecia l'abbiamo fatta anche noi (anche se non siamo riusciti a spezzargli le reni) e Tzipras potrebbe avanzare la stessa richiesta all'Italia ! Comunque se la prossima guerra la vinciamo noi potremo chiedere i danni dei bombardamenti americani del '43 !

      Report

      Rispondi

  • ezioghidini

    11 Marzo 2015 - 22:10

    Il Governo Tedesco deve risarcire le famiglie degli Ufficiali Italiani del 10° Reggimento della Divisione Regina che furono trucidati nel 1943 nell'Isola di Kos dopo aver trattato la resa. Erano 93 Ufficiali.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog