Cerca

Assalto armato al Bardo

Tunisi, il drammatico appello dell'italiana: "Stanno sparando a tutti, vi prego aiutateci"

Tunisi, il drammatico appello dell'italiana: "Stanno sparando a tutti, vi prego aiutateci"

"Qui stanno sparando a tutti. Vi prego aiutateci". E' questo il disperato e drammatico appello lanciato dalla turista italiana Carolina Bottari, di Torino, che oggi a Tunisi ha assistito alla sparatoria nei pressi del Parlamento dove tre uomini avrebbero tentato di entrare con la forza. Fermati dalle forze dell'ordine hanno poi attaccato il vicino Museo del Bardo (distante poche centinaia di metri dal Parlamento, nella periferia ovest di Tunisi), dove in quel momento erano presenti almeno 200 visitatori. Tra questi anche alcuni italiani, passeggeri della nave Costa Fascinosa. La Farnesina ha confermato il ferimento di due italiani, mentre altri cento sarebbero al sicuro.  "Eravamo una comitiva di una cinquantina di persone" racconta la turista torinese coinvolta nella sparatoria. "Qui nella stanza siamo in sei italiani, di là nello stanzone sono molti di più. Due persone sono morte. Altre tre sono rimaste ferite". La Farnesina al momento non conferma, l’unità di crisi sta verificando la situazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alkhuwarizmi

    18 Marzo 2015 - 19:07

    L’unità di crisi sta verificando la situazione. In pratica, leggono le notizie da parte delle Agenzie di stampa e guardano i vari telegiornali. Forse. Il Paese di pulcinella. Verrebbe quasi da ridere se non fosse per la situazione disastrosa in cui ci troviamo.

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    18 Marzo 2015 - 17:05

    Ma quel cornutone di sarkosy non dovrebbe essere giudicato dal Tribunale Internazionale dell'Aia per attentato alla pace del mondo?

    Report

    Rispondi

  • tizi04

    18 Marzo 2015 - 15:03

    Alla Farnesina sono tutti fuori per la pizzata del mercoledi`,appena tornano e dopo il caffe`vedranno cosa fare.Nulla,dovranno decidere come parlamentare con i rapitori.Ma poi siamo sicuri che sono spari e non mortaretti e tric trac per festeggiare la primavera araba?Ma via sono paesi tranquilli,non ci sono pericoli.Ma che ca@@o andate a fare nei paesi arabi di questi tempi.NON PAGATE RICATTI!

    Report

    Rispondi

  • ljyvjhftyg

    18 Marzo 2015 - 14:02

    Prima fanno i modernoni radical chic andado a visitare paesi del genere, comprando oggetti da esporre nelle loro misere case adornate di paccottiglia etnica per dimostrare di essere stati all'estero e di essere di mentalitá aperta e poi si lamentano perchè la spara. Ma sparatevi a casa vostra senza rompere le palle al prossimo

    Report

    Rispondi

blog