Cerca

La conferma

Tunisi, la conferma della Farnesina: "Ci sono tre vittime italiane"

Tunisi, la conferma della Farnesina: "Ci sono tre vittime italiane"

Sono tre le vittime italiane confermate dalla Farnesina, almeno sei i feriti ricoverati negli ospedali di Tunisi. Ci sarebbe una quarta vittima, secondo fonti dell'ambasciata a Tunisi, ma la Farnesina non ha confermato. Le vittime erano tutti passeggeri a bordo della Costa Fascinosa, la nave attraccata dal mattino della strage nel porto di Tunisi. Una delle vittime è un pensionato di Novara, Francesco Caldara. 64enne in vacanza con la compagna Sonia Reddi. La donna è stata operata a un braccio e non è in pericolo di vita. Sono le prime conferme ufficiali dopo ore di assenza di informazioni da parte del ministero degli esteri. "L'unita di crisi della Farnesina - ha detto nel pomeriggio Gentiloni - rimane in attesa di sviluppi e novità dalle autorità tunisine", per ora comunque nessuna conferma sul numero di vittime tra i turisti italiani, che secondo fonti locali tunisine sarebbero almeno sette per un totale di 22 persone che hanno perso la vita nel'attacco al museo del Bardo. "Le autorità tunisine - ha aggiunto Gentiloni - hanno parlato di vittime italiane e di altre nazionalità e mi è stato confermato dal primo ministro, ma aspettiamo altre conferme". Il ministro ha poi spiegato che ci sono stati "oltre 20 morti e una quarantina di feriti che per fortuna non sono gravi". Gentiloni ha confermato che "sono stati coinvolti turisti italiani che si trovavano a bordo di uno dei pullman di una nave da crociera", ma ha ribadito che "non abbiamo notizie certe, preferiamo non commentare".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • milibe

    19 Marzo 2015 - 06:06

    ma il governo se la dà una mossa o aspetta che succeda qualche fatto clamoroso in Italia? devono esserci altri morti innocenti per agire? Basta parole come sempre servono solo fatti concreti

    Report

    Rispondi

  • Joachim

    19 Marzo 2015 - 05:05

    Eenzi/la Libia sta chiedendo da tanto tempo di levare il blocco delle armi e di pattugliare le coste e non usare la marina come ferry-boat degli emigranti.,Aiuta, Tunisia, Libia ed unisciti all'Egitto che già attivamente sostiene le forze armate libiche nella lotta e cha da molto chiede armi e sostegno nella formazione....Basta chiacchere di condanna e Gentilonate ci vuole ben altro.!!!!!

    Report

    Rispondi

  • eolo121

    18 Marzo 2015 - 21:09

    basta mare mostrum . basta triton. basta la marina che fa da taxi- bastaaaa

    Report

    Rispondi

  • marari

    18 Marzo 2015 - 21:09

    Una cosa ignobile che solo un governo di imboscati può permettersi. Se fossero così lesti anche nell'accoglienza dei clandestini vivremmo più sicuri.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog