Cerca

La tragedia della Germanwings

Aereo caduto, i due piloti erano tedeschi. Si rafforza l'ipotesi del suicidio

Aereo caduto, i due piloti erano tedeschi. Si rafforza l'ipotesi del suicidio

Alla luce delle notizie diffuse dal New York Times, secondo cui uno dei piloti del volo Germanwings caduto martedì sulla Alpi francesi sarebbe rimasto chiuso fuori dalla cabina, si rafforza sempre di più l'ipotesi del suicidio. Il sito del quotidiano francese Le Figaro, per primo, e le autorità subito dopo, in una conferenza stampa, hanno rimarcato che al momento è questa la spiegazione di questa tragedia. "E' in corso una indagine di sicurezza che presto potrebbe trasformarsi in un'indagine penale", ha dichiarato a Le Figaro un esperto di sicurezza aerea, secondo il quale la Bea, l'Ufficio di inchiesta e di analisi per la sicurezza dell'aviazione civile francese, non ha ancora smentito le notizie diffuse dal New York Times.

I piloti - Intanto in una conferenza stampa dopo i dubbi sollevati sulla identità dei due piloti, è stato comunicato che sono entrambi tedeschi e che rispetto al fatto che uno dei due fosse rimasto chiuso fuori è stato chiarito che a rimanere all'interno della cabina è stato il copilota. Secondo la Bild si tratta di Patrick Sonderheimer, il comandante di bordo, padre di due bambini, di Düsseldorf e del copilota Andreas Lubitz, di Montabaur (Renania-Palatinato). Il capitano lavorava per la compagnia low cost da maggio 2014 e aveva un'esperienza di oltre seimila ore di volo in Lufthansa e Condor. Il copilota aveva invece un'esperienza di 630 ore di volo e aveva cominciato a lavorare per Germanwings nel settembre 2013.

La dinamica - Sarebbe stato proprio il copilota, Andreas Lubitz, di 28 anni, a far scendere volontariamente l'aereo, secondo quanto comunicano le autorità. "E' partito da 12mila metri ed è sceso a 2mila e lo ha fatto con una azione volontaria, c'è un comando per la discesa", afferma il procuratore di Marsiglia, Brice Robin. E' stato anche riferito che nelle registrazioni dell'audio in cabina si sente il comandante che bussa alla porta per entrare e che nessuno però risponde. Ma si sente bene che respira in modo tranquillo, quindi nel momento della discesa "è vivo e cosciente". "E non c'è nessun altro in cabina", chiariscono le autorità. "Ha voluto distruggere l'areo". Sempre dalla scatola nera è emerso che i passeggeri non si accorgono di nulla fino a pochi istanti prima dello schianto quando si sentono delle grida. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ggioi

    27 Marzo 2015 - 03:03

    In un volo di 1 ora il pilota si alza per andare in bagno ???? E rimane chiuso fuori ??????Mai visto fin ora però vabbè !!!!

    Report

    Rispondi

  • RaidenB

    26 Marzo 2015 - 19:07

    A coloro che si bevono la storiella del pilota suicida chiedo di spiegare il perché è stato ordinato di recuperare i resti del veivolo prima dei poveri resti dei passeggeri. Se l'aereo si è schiantato e danno per certa la storia che dicono perché pensare prima di tutto ai resti dell'aereo. Forse è la paura che si trovino tracce di un ordigno a bordo?

    Report

    Rispondi

    • sylviatin

      26 Marzo 2015 - 20:08

      Mah... Potrebbe essere una delle tante ipotesi... Ma anche gli abitanti dei luoghi vicini nn parlano di esplosioni,l unico boato avvertito è quello dello schianto. Nn credo possa esserci stato un ordigno. Penso che la ricerca dei resti dell aeromobile fossero volti alla ricerca delle scatole nere. Per il momento cmq nn c'è niente di certo.

      Report

      Rispondi

      • RaidenB

        26 Marzo 2015 - 20:08

        Non credo. Le scatole nere a sentire loro già le hanno.

        Report

        Rispondi

        • sylviatin

          27 Marzo 2015 - 00:12

          Alla luce degli ultimi fatti, l'ipotesi del suicidio è quella che regge di più. A questo punto sono però da rivedere un bel po' di cose al livello di selezione e controllo del personale. Se veramente "voci di corridoio "dicono che soffriva di crisi depressive, viene da chiedersi, ma gli psicologi questo nn lo avevano notato?

          Report

          Rispondi

  • routier

    26 Marzo 2015 - 17:05

    Per ora ci sono più domande che risposte. Suggerisco di attendere e mandare un pensiero di solidarietà ai famigliari delle vittime.

    Report

    Rispondi

  • RaidenB

    26 Marzo 2015 - 17:05

    Altra cosa che non torna. Alla vita in diretta hanno appena detto che l'uomo della foto non è Andreas Lubitz. Se la cosa è vera, io mi domando il perché usare una foto falsa?

    Report

    Rispondi

    • woody54

      26 Marzo 2015 - 18:06

      RaidenB Cazzo che belle giornate trascorri, tra la vita in diretta ed i postati di libero!! Bananas rimbambito

      Report

      Rispondi

      • RaidenB

        26 Marzo 2015 - 19:07

        Ha parlato il genio piddino che pur di negare la verità darebbe la colpa di tutto ad un gatto che passa per strada.

        Report

        Rispondi

        • rinogioffre

          27 Marzo 2015 - 08:08

          Da uno col nome da wrustel che passa la sua vita tra il centro sociale' un comizio di Landini, uno della Camusso e nel frattempo legge il fatto quotidiano; cosa ti aspetti, un po di scompiglio in testa ce l'ha.

          Report

          Rispondi

Mostra più commenti

blog