Cerca

Il ritratto

Andreas Lubitz, 28 anni e 630 ore di volo: è il copilota che ha fatto precipitare l'Airbus di Germanwings

Andreas Lubitz, 28 anni e 630 ore di volo: è il copilota che ha fatto precipitare l'Airbus di Germanwings

Aveva 28 anni e 630 ore di volo alle spalle e sei mesi di stop nel training per diventare pilota causa depressione. Andreas Lubitz era il copilota dell'Airbus A320 della Germanwings caduto martedì scorso sulle Alpi francesi. La nazionalità del pilota è tedesca, è nato a Montabaur (Renania-Palatinato). Il comandante di bordo, secondo la ricostruzione che è stata fatta dagli inquirenti, era chiuso fuori e avrebbe tentato di rientrare nella cabina di pilotaggio. Il procuratore ha detto di non conoscere la religione del copilota. "Ma non credo che questa sia la pista da seguire", ha detto facendo cadere ogni ipotesi di attentato. Andreas era depresso, molto probabilmente, e si era appena lasciato con la fidanzata.

Il capitano lavorava per la compagnia low cost Germanwings da maggio 2014 e aveva un'esperienza di oltre seimila ore di volo in Lufthansa e Condor. Il copilota aveva invece un'esperienza di 630 ore di volo e aveva cominciato a lavorare per Germanwings nel settembre 2013. Il copilota viveva a Monabaur con i suoi genitori e aveva una seconda casa a Düsseldorf. Aveva frequentato la scuola di volo della Lufhansa di Brema e faceva parte del club di volo LSC Westerwald, di cui era il membro più giovane. Durante la conferenza stampa tenuta dalla Germanwings in queste ore, si evince che Andreas Lubitz abbia sempre superato tutti i test, di salute e psicologici. E' un evento unico per la compagnia tedesca, e si tratta di "un episodio individuale e tragico", hanno detto. 

La depressione - Andreas aveva preso lezioni di Brema e frequentato la Lufthansa Flight School. Nel 2013, quando era entrato alla Germanwings, aveva ottenuto anche il certificato d'eccellenza della Faa, l’organismo statunitense della sicurezza del volo ed era stato inserito nel prestigioso FAA Airmen Certification Database. Nello scorso autunno aveva preso il brevetto di pilota di aliante nel club “LSC Westerwald” in Renania, vicino alla sua città natale. Tuttavia c'è un ombra: sei anni fa aveva abbandonato per sei mesi il corso di formazione (aveva deciso di lavorare come assistente di volo) per poi riprenderlo successivamente. Secondo la madre di un'amica d'infanzia, nel 2009 era stato colpito da una grave forma di depressione, in gergo tecnico sindrome da burnout: una pesante reazione allo stato di stress che porta a maturare un innaturale senso di cinismo e indifferenza nei confronti del mondo circostante, persone comprese. Alla luce di questo fatto, che non gli ha impedito di diventare pilota professionista, sui fatti di martedì viene gettata una luce sinistra e si spiega, almeno in parte, come Lubitz abbia potuto decidere di far schiantare l'Airbus (è la versione del procuratore di Marsiglia) senza curarsi del destino di altri 149 innocenti. E ora si scopre che Andreas era pure stato lasciato da poco dalla fidanzata con la quale avrebbe dovuto sposarsi. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cabass

    27 Marzo 2015 - 09:09

    L'avranno fatto lavorare nonostante la depressione, perché di sicuro qualche sindacalista sinistrato si sarà impuntato abbaiando: "E ma poverino! E' guarito, non si può negargli il diritto al lavoro!"...

    Report

    Rispondi

  • nandovavuso2012

    27 Marzo 2015 - 08:08

    io penso che in un contesto sociale complesso e ampio, possa starci di tutto, definirei fisiologico anche un atto criminoso, come naturale è il terremoto, come incidente il chirurgo che sbaglia un intervento, un giudice che sbaglia una sentenza, ecc, Questo entra nei fenomeni del quotidiano e dell'ineluttabile. Dobbiamo convincerci che niente muterà quanto di obbrobrioso accade. E' tutto semplice

    Report

    Rispondi

  • TOCAI

    27 Marzo 2015 - 08:08

    E' indispensabile ora fare una seria considerazione: cosa potrebbe succedere se un top gun comandante di un cacciabombardiere impazzisce e/o per emulazione, anche sotto droghe varie, facesse quello che il giovane bastardo pilota tedesco ha messo in atto, sganciando bombe a vanvera su città e cittadini inermi? Chi mi assicura che non potrà mai succedere ?

    Report

    Rispondi

  • peppedrago

    26 Marzo 2015 - 23:11

    E' incredibile che ad un tizio, con un passato di depressione, si faccia pilotare un aereo con passeggeri. Le statistiche mediche dicono che una grande percentuale di depressi pensano al suicidio, ED IL 15% CIRCA SI AMMAZZA DAVVERO!!! Come è possibile, quindi, che ad un ex depresso sia consentito di disporre della vita di centinaia di persone?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog