Cerca

La strage dell'Airbus

"Poteva essere solo tedesco", processo alla Germania

"Poteva essere solo tedesco", processo alla Germania

“Solo un tedesco”. Adesso che si è scoperta la verità sul disastro aereo, si discute su come sia stato possibile, sui motivi per cui alla guida dell’aereo ci fosse Andreas Lubitz, un ventottenne con problemi di depressione. Come scrive la Stampa, mentre tutto il mondo davanti al disastro della Concordia causato da Francesco Schettino ha reagito dicendo “Solo un italiano”, allo stesso modo si può dire “Solo un tedesco” di fronte al disastro aereo. “E’ un pensiero carico di pregiudizi”, avverte Francesca Sforza che firma l’articolo “insospettabile” per un quotidiano come La Stampa.

Autocritica - La Germania è un Paese che ha escluso la possibilità dell’imprevisto, il fatto che qualcosa non vada come era stato progettato. “ Non è previsto che un treno deragli, e infatti i treni non deragliano, non è previsto che i sistemi di riscaldamento delle stazioni si rompano, e infatti non si rompono, non è previsto che uno studente di bassa resa scolastica possa a un certo punto rivelarsi un genio, e infatti non andrà al ginnasio perché resterà confinato nelle scuole tecniche, non è previsto che un ministro copi una tesi di dottorato, e infatti non lo fa, e se lo fa non solo si dimette, ma si disintegra nel nulla”, si legge. Non deve accadere mai nulla che non sia stato previsto, calcolato, pensato, voluto. Non a caso il portavoce di Lufthansa ha dichiarato: “Non è nel nostro dna” ha dichiarato il portavoce di Lufthansa. “Ogni aspetto della formazione del nostro sistema è stato verificato”. E’ arrivato il momento che anche la Germania faccia autocritica, che riesca a dire “noi siamo anche questo”

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ulanbator10

    28 Marzo 2015 - 20:08

    E' ora di smetterla con il mito della precisione e tedesca. Da 200 anni i tedeschi si distinguono solo per ferocia, insensibilità, mania di potere, dispotismo militare ed economico. L'anima di un tedesco non conosce il valore della parola solidarietà, aiuto disinteressato, amore per il prossimo, e in genere tutti quei valori che non prevedono un ritorno economico od un vantaggio di altro genere

    Report

    Rispondi

  • lonato47

    28 Marzo 2015 - 19:07

    Come chi scrive che poteva essere solo tedesco e' senz'altro solo un coglione

    Report

    Rispondi

  • paolo.diamante

    28 Marzo 2015 - 14:02

    La mia esperienza coi Tedeschi in affari: se tutto e' stato stabilito e scritto, son impeccabili nell'osservare regole e condizioni. Se appena gli lasci uno spazio di manovra, ti FREGANO alla grandissima. Avete presente i peggiori pregiudizi che circondano, purtroppo, i Napoletani? Moltiplicateli per 3 e avrete i Tedeschi nel business.Oppure, sono stato molto sfortunato.

    Report

    Rispondi

  • bernardroby

    28 Marzo 2015 - 11:11

    Quando non c'era ancora questa inutile Europa , ci si tenevano i pregiudizi , e la propria moneta , c'erano le barzellette su i tedeschi , gli italiani ed i francesi , ma quando arrivavano i tedeschi in vacanza li si trattava con rispetto come loro con noi . Adesso ci si tratta come i parenti nel pranzo di natale , con inutile e superficiale senso di ipocrisia ! Meglio prima con onesto rispetto .

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog