Cerca

La decisione di New Delhi

Marò, l'India concede altri tre mesi di permesso a Latorre

Marò, l'India concede altri tre mesi di permesso a Latorre

Massimiliano Latorre è stato autorizzato dalla Corte Suprema di Nuova Delhi a rimanere in Italia per altri tre mesi. Il Fuciliere di Marina, operato al cuore il 5 gennaio scorso, dovrà tornare in India il 15 luglio. Il permesso per Latorre sarebbe scaduto il 12 aprile. Nel corso dell’udienza è emerso che il governo indiano, guidato dal premier nazionalista Narendra Modi, non si è opposto alla rposecuzione della convalescenza di Latorre in Italia. La Corte Suprema ha anche auspicato che inizi il prima possibile il processo contro i due Marò (insieme a Latorre è implicato Massimiliano Girone che è rimasto in India) accusati di aver ucciso, il 15 febbraio del 2012, due pescatori indiani scambiati per pirati mentre si trovavano a bordo della petroliera Enrica Lexie, a largo delle coste dello Stato del Kerala. I giudici hanno anche fissato un’udienza a fine mese per decidere se dovrà essere l’antiterrorismo, la National Investigation Agency (NIA) a seguire il caso. La Corte Suprema ha anche esortato sia le autorità indiane che la difesa dei due Marò di non ricorrere più a tattiche dilatorie e di consentire l’avvio del procedimento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • biemme

    05 Giugno 2015 - 00:12

    ma perchè non cominciamo a rimandargli indietro qualche milionata di immigrati indiani finchè non ci rimandano i nostri soldati? Ma noi siamo dei conigli!

    Report

    Rispondi

blog