Cerca

Tragedia e speranza

Nepal, la foto emozionante: neonato di 4 mesi estratto vivo dalle macerie dopo 22 ore

Nepal, la foto emozionante: neonato di 4 mesi estratto vivo dalle macerie dopo 22 ore

Altro miracolo in Nepal: un neonato di appena 4 mesi è stato estratto dalle macerie dopo 22 ore di ricerche disperate. Questa foto, pubblicata dal sito Kathmandutoday.com, diventerà probabilmente l'immagine-simbolo del dramma e della speranza nepalesi. Nella capitale Kathmandu e nelle zone più remote dello stato himalayano colpito dal tremendo sisma di sabato scorso si continua a lavorare senza sosta per salvare più vite possibili. Nelle ultime ore è stato estratto vivo anche il 28enne Rishi Khanal dopo giorni di immobilità forzata: "Avevo pochissime speranze - ha spiegato dal letto di ospedale -, ma da ieri le avevo perse le unghie erano diventate bianche e le labbra spaccate. Credevo che nessuno sarebbe venuto a salvarmi. Non avevo cibo, e sono stato costretto a bere la mia stessa urina".

Il bilancio: 5mila morti - L'ultimo bilancio del terremoto è di oltre 5mila morti e 10mila feriti. Come riferito da Ram Kumar Dahal, alla guida della gestione per le catastrofi al ministero dell'Interno, "5.027 persone sono state uccise e 10.226 ferite nel sisma". Secondo alcuni dati precedenti, circa 1.500 delle vittime sono state segnalate nella capitale Kathmandu. Altre cento persone sarebbero morte in India e Cina. Non si placano però le polemiche e le tensioni tra i nepalesi sopravvissuti, stremati dalle scosse di assestamento, dai ritardi negli aiuti e dall'inadeguata gestione dell'emergenza da parte del governo. Scontri sono scoppiati a Kathmandu dove la polizia ha dovuto caricare la folla ammassatasi alla stazione delle corriere con la speranza di partire per raggiungere i familiari. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog